CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Edilizia scolastica, 34,4 milioni per le scuole umbre: questi gli interventi previsti

Perugia Cronaca e Attualità Terni

Edilizia scolastica, 34,4 milioni per le scuole umbre: questi gli interventi previsti

Redazione
Condividi
L'ingresso a scuola di alcuni studenti perugini
L'ingresso a scuola di alcuni studenti perugini
PERUGIA – Una boccata d’ossigeno per l’edilizia scolastica della nostra regine.Sono in tutto 67 gli edifici scolastici che beneficeranno del prestito da 34,4 milioni stipulato tra la Regione e Cassa depositi e prestiti; soldi attraverso i quali si finanzieranno interventi di costruzione, ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico ed efficientamento energetico degli immobili. Oltre a quelle già citate in apertura, le cifre più consistenti riguardano il miglioramento del liceo musicale «Calvino» di Città della Pieve (350 mila euro), il certificato antincendio per l’Ipsia «Pertini» di Terni (773 mila euro), l’adeguamento sismico della scuola per l’infanzia «Montedoro» di Città di Castello (669 mila euro), delle elementari di Trestina (1,3 milioni), della primaria «Montessori-Ciabatti» di Perugia (2,9 milioni), della «Aldo Moro» di Gubbio (2,2 milioni), del plesso scolastico di Pietrafitta (1,9 milioni) e la nuova sede delle medie di Tavernelle (2,7 milioni).

Oneri Gli oneri del prestito saranno a carico dello Stato e, grazie a specifiche modalità di erogazione, gli enti potranno utilizzare le risorse senza impatto sul proprio patto di stabilità interno. “L’accordo – è detto in una nota – rientra nell’ambito del Programma di edilizia scolastica 2018-2020 e a seguito della stipula di un protocollo di intesa con il Ministero dell’istruzione, dell’Università e della ricerca, che coordina il piano e monitorerà l’utilizzo dei fondi, il Ministero dell’economia e delle finanze, la Banca europea per gli investimenti, la Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa. Il programma di interventi – osserva l’assessore regionale Paola Agabiti – permetterà all’Umbria di fare un ulteriore passo avanti oltre che nella messa in sicurezza, anche in termini di sostenibilità ed efficientamento energetico, aspetti che concorrono alla qualità didattica e al miglioramento del benessere di studenti, educatori, e di tutto il personale opera nelle scuole. Prosegue dunque il forte impegno della Regione Umbria sul fronte della qualità e della funzionalità delle strutture scolastiche”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere