CARICAMENTO

Scrivi per cercare

È morto Enio Navonni, l’uomo che fece riscoprire a Terni la ‘Corsa al Bravio’

Cronaca e Attualità Terni

È morto Enio Navonni, l’uomo che fece riscoprire a Terni la ‘Corsa al Bravio’

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – La storia di Terni, i Cavalieri, le ‘antiche riformanze’ erano la sua passione, che divulgava attraverso i vari media: una trasmissione su Radio Tna e poi uno spazio settimanale su Il Giornale dell’Umbria, su La Nazione e su il Messaggero. Tante trasmissioni a Tele Galileo. Era riuscito a far rivivere – a metà degli anni 90 – quella tradizione attraverso la disputa, per alcuni anni, della storica Corsa al Bravio, risalente al 1300 addirittura a prima del Palio di Siena.

Enio Navonni, una delle memorie storiche della città se n’è andato a 82 anni. Il senatore Gianluca Rossi lo ha ricordato sul suo profilo facebook: ” Per chi, come me, era abituato a trovarlo sempre ad ogni ora nella sua stanzetta alla sede del Pd – scrive – a picchettare sulla tastiera del computer -fino a poco tempo fa, della macchina da scrivere- e ad affrontare con coraggio e curiosità le novità dei social e del web, per chi lo ricorda alle Feste de L’Unità, per chi, ne ha potuto apprezzare la grande sconoscenza della storia di Terni, dei capitani di ventura, del quartiere Duomo, della sua Via Sant’alò e del Pci ternano, per chi, come me, lo ha conosciuto e ne ha apprezzato onestà e umanità,  la scomparsa di Enio è davvero una grande perdita. Lo voglio salutare con profondo dispiacere e grande affetto e abbraccio di cuore i suoi figli Sonia e Massimiliano”.

Alla famiglia di Navonni vanno le condoglianze della redazione de lanotiziaquotidiana.it

Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1