CARICAMENTO

Scrivi per cercare

E’ morta l’attrice umbra Anna Marchesini: gran carriera con Solenghi e Lopez

Extra EVIDENZA2

E’ morta l’attrice umbra Anna Marchesini: gran carriera con Solenghi e Lopez

Redazione cultura
Condividi

L'attrice Anna Marchesini

ORVIETO – E’ morta all’età di 63 anni Anna Marchesini, l’attrice di fama nazionale nata ad Orvieto. Aveva mosso i primi passi con la recitazione, fino poi ad arrivare a comporre un gran trio con Massimo Lopez e Tullio Solenghi. Era malata da tempo, ormai qualche anno, di artrite reumatoide. L’ultima apparizione televisiva è stata quella del 2014 con Fazio. Lì, in un’intervista ha parlato della sua malattia.

CLICCA QUI PER VEDERE ”Anna Marchesini ospite a Che tempo che fa ” . INTERVISTA INTEGRALE (VIDEO)

Così il sindaco di Orvieto Giuseppe Germani: «Profondo cordoglio alla famiglia di Anna Marchesini per la triste notizia della morte di una concittadina così importante, che ha dato lustro alla nostra città». I funerali dell’artista si svolgeranno il 1° agosto, alle 16 nella chiesa orvietana di Sant’Andrea.

LA TRISTE NOTIZIA A dare la notizia, su Facebook, della morte dell’attrice era stato il fratello Gianni: «Prima che lo sappiate da quel tritacarne dell’informazione tengo a dirlo io. Ora, in questo momento, è morta mia sorella Anna Marchesini. Grazie a tutti. Non sarò in grado di rispondervi».
QUANTO CI HA FATTO RIDERE Addio alla Signorina Carlo, alla sessuologa Merope Generosa, alla Sora Flora, alla cameriera secca dei signori Montagné e soprattutto alla bella figheira, alla Monaca di Ponza, alla Lucia manzoniana del piccolo schermo. È morta Anna Marchesini, bisogna rassegnarci. Il debutto a teatro avvenne quando ancora è un’allieva dell’Accademia d’Arte drammatica Silvio d’Amico, nell’estate del 1976, con lo spettacolo Il Borghese Gentiluomo. Diplomata tre anni dopo, entrò in compagnia nello spettacolo Platonov di Anton Cecov per la regia di Virginio Puecher (Piccolo di Milano). L’incontro con i due colleghi che cambieranno la sua carriera è all’inizio degli anni Ottanta, nella sua biografia on line l’attrice scriveva “In Svizzera in un programma per gli italiani incontro Tullio Solenghi e già rido. Nel frattempo al doppiaggio di cartoni animati a cui mi dedicavo fra uno spettacolo e l’altro, conosco Massimo Lopez e ancora ridiamo”. Il sodalizio, come si dice in gergo, durerà tutta la vita anche se ufficialmente il trio si scioglierà nel ’94 pur tornando qualche volta insieme. L’esordio in tv è con lo spettacolo su Raidue Helzapoppin a cui seguirono negli anni OttantaTastomatto, Domenica In, Fantastico. Il trio conquistò il pubblico televisivo e poi lo traghettò a teatro: il loro primo spettacolo teatrale come trio Allacciare le cinture di sicurezza debuttò nel 1987 al Sistina di Roma e fece il tutto esaurito per tre anni consegnandogli di diritto il Biglietto d’oro.
IRONIA ANCHE NEL TESTAMENTO “Ho già adocchiato una vetrinetta in sala riunioni con un piccolo cofanetto verde di porcellana, credo. Ritengo sia ideale per contenere le mie ceneri – scriveva con la sua solita ironia sul suo sito – È una aspirazione che piano piano troverò il coraggio di far uscire alla luce. Che detto di un mucchietto di ceneri non è appropriato. Posso tentare…. e se mi ribocciano? E se poi l’Accademia trasloca? E se durante il trasloco il cofanetto verde si rompe? No eh! essere spazzata via dall’Accademia no mai più!”. Lascia la figlia Virginia di 23 anni appena laureata.
SOLENGHI: “LEI CI DIREBBE: E’ MORTO QUALCUNO?” Tullio Solenghi, uno dei compagni di carriera artistica di Anna Marchesini ha commentato così la sua scomparsa: “Sono sicuro, il suo disincanto non la abbandonava mai e ora se ci vedesse direbbe ‘Cosa sono quelle facce, sembra sia morto qualcuno’. Per me – prosegue l’attore – la sua morte è un dolore all’ennesima potenza, una parte della mia vita e di me stesso che se ne va”.
LOPEZ: “UN ESEMPIO PER NOI” “Ho appreso la notizia da Tullio Solenghi con il quale sono sempre stato in contatto specialmente in queste settimane  durante le quali Anna era ricoverata, dato il peggioramento  delle sue condizioni – ha dichiarato l’altro componente del Trio, Massimo Lopez – E’ un grande dolore, perdo un’amica. Sono stati 14 anni di Trio dove quotidianamente si rideva senza sosta. Anna era un pilastro della comicità, la donna che più mi ha fatto ridere nella vita. E nel ‘dopo Trio’ abbiamo continuato a frequentarci e a ridere. Anna – conclude Lopez – ha ironizzato anche sulla sua stessa patologia, esorcizzandola e dando a noi tutti un grande esempio”.
IL CORDOGLIO DELLA PRESIDENTE MARINI “Ci mancherà molto la sua straordinaria ironia, la sua ineguagliabile capacità di farci ridere. Donna di grande intelligenza, forza e coraggio, ha segnato la storia della commedia italiana, ma anche del teatro e della televisione. Ci lascia però il suo immenso e contagioso sorriso. Di tutto ciò le siamo profondamente grati”. Sono le parole della presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, che appresa la notizia della morte di Anna Marchesini, umbra nata ad Orvieto e molto legata alla sua terra, ha voluto esprimere il suo personale e commosso cordoglio per la scomparsa dell’attrice, “certa di interpretare – ha aggiunto Marini – il sentimento di tutti gli umbri che oggi piangono una attrice di grandissimo talento. Così come sono certa che ogni umbro, ed io per prima, ci sentiamo orgogliosi delle sue origini umbre”. La presidente Marini ha voluto inoltre esprimere al fratello dell’attrice ed a tutti i suoi familiari il cordoglio di tutta la Giunta regionale.
LE CONDOGLIANZE DI RENZI “Talento purissimo, ci mancheranno la sua discrezione e il suo coraggio con cui ha combattuto fino all’ultimo giorno. Le saremo grati per le tante risate che ci ha regalato nei suoi anni di straordinaria carriera”, questo il messaggio inviato da premier Matteo Renzi alla famiglia Marchesini.

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere