venerdì 2 Dicembre 2022 - 01:14
5.1 C
Rome
- Pubblicità -spot_img
spot_img

Duranti fa tripletta agli Europei di ginnastica ritmica: due ori e un argento con la Nazionale

Straordinaria prova della giovane spoletina con l'Italia alla rassegna Continentale in corso di svolgimento in Israele

TEL AVIV (Israele) – L’Umbria sportiva ancora sul podio. Dopo la straordinaria medaglia d’argento di Riccardo Menciotti nei 100 dorso S10 ai campionati mondiali paralimpici, il testimone è raccolto dalla spoletina Agnese Duranti che a Tel Aviv ha centrato una straordinaria doppietta insieme alle compagne della nazionale di ginnastica: oro nel concorso misto e nei cinque cerchi, oltre all’ argento nell’all around.

Proprio quest’ultimo sarebbe stato addirittura oro se la giuria non le avesse letteralmente derubate per favorire la nazionale di casa.

I cinque cerchi

Alessia Maurelli, Martina Centofanti, Agnese Duranti, Martina Santandrea, Daniela Mogurean, e Laura Paris dirette dalla ct Emanuela Maccarani, hanno eseguito un esercizio impeccabile sulle note di “They don’t care about Us” di Michael Jackson e sono riuscite a guadagnarsi il gradino più alto del podio in questa gara che non è prevista ai Giochi.

Per loro punteggio complessivo di 36.650 (19.000 per le difficoltà, 8.600 per l’esecuzione, 9.050 per la nota A) e sono così riuscite a prevalere su Israele (36.450). Si tratta del terzo oro della storia nella specialità con una sola tipologia di attrezzi dopo l’apoteosi casalinga di Torino nel 2008 e il sigillo di Guadalajara nel 2018. Ora la gara con nastro e palle.

La gara del misto

Nel misto le azzurre si sono esibite note sulle note di “Mercy in Darkness” di Two Steps From Hell & Thomas Bergersen, interpretando l’omaggio agli sport olimpici, superando la Spagna (31.950) e l’Azerbaigian (31.900), mentre Israele si è fermato al quarto posto (31.100). i tratta del primo titolo continentale nell’esercizio misto nella storia azzurra.

Il concorso all-around

Ieri la prova dell’All Around. Ancora una prestazione superba delle azzurre: 34.000 nell’esercizio misto (contro il 33.000 di Israele), poi è arrivato il 35.650 con i cinque cerchi. Sembrava impossibile per Israele centrare il 36.700 che serviva a ribaltare la situazione, l’incredulità è stata tangibile una volta uscito il punteggio clamoroso di 36.950. Tanta rabbia, per una tradizione che purtroppo si conferma, quella delle giurie che premiano gli atleti di casa.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]