CARICAMENTO

Scrivi per cercare

“Due donne ai raggi X”, a Perugia il monologo che celebra la vita di Marie Curie

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

“Due donne ai raggi X”, a Perugia il monologo che celebra la vita di Marie Curie

Redazione cultura
Condividi

foto ufficio stampa Unipg

PERUGIA – In occasione della Giornata internazionale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza, il Comitato Unico di Garanzia Per le Pari Opportunità (CUG) dell’Università di Perugia propone, il prossimo 11 febbraio (ore 21.00) al teatro Morlacchi, “Due donne ai raggi X – Marie Curie e Hedy Lamarr, ve le racconto io” spettacolo di e con Gabriella Greison. Il monologo teatrale celebra l’esaltante vita di Marie Curie, di cui sappiamo poco dal punto di vista umano, ma alla quale universalmente sono riconosciute doti da grande scienziata (come la chiamava Albert Einstein) e i connotati del genio. Marie fu precursore delle battaglie sociali per il raggiungimento di pari dignità e diritti tra donne e uomini nella società maschilista a cavallo tra ‘800 e ‘900. La sua vita, con i suoi baratri e le sue mete raggiunte, con le sue origini umili e la poca cura di sé, si intreccia con la sontuosa vita di Hedy Lamarr, scienziata e inventrice del wifi moderno, e allo stesso tempo star di Hollywood, da tutti considerata la donna più bella del mondo (prima dell’arrivo di Marilyn Monroe). Hedy con le sue debolezze, le sue passioni smodate, il suo spirito libero. Le due donne, nel racconto della protagonista (una scienziata che sta per ricevere un prestigioso premio a Parigi per i suoi studi scientifici), sono la raffigurazione degli opposti, di chi nutre solo l’anima e di chi ha la passione per i beni materiali, della vita e della morte, di dio e della scienza. E gli opposti, come nella vita di tutti i giorni, si diluiranno uno nell’altro così da apparire senza più confini. Chiunque può identificarsi nelle vicende evocate in questo spettacolo, metafora bellissima delle piccole azioni che compiamo ogni giorno e di grandi progetti. Chiunque è mosso dalla ricerca affannosa verso la conoscenza. Con lo spettacolo si vuole richiamare l’attenzione sull’importanza di promuovere una maggior partecipazione di donne e ragazze alle attività formative e professioni scientifiche. I dati statistici per gli atenei italiani ed europei, forniti dalla Commissione Europea, mostrano infatti che, nonostante siano stati fatti progressi, il raggiungimento dell’uguaglianza e della parità di genere nella scienza resta una sfida ancora aperta per la società.

“L’evento è stato organizzato dall’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con il Comune di Perugia e il Teatro Stabile dell’Umbria e con il patrocinio dell’Associazione Soroptimist International d’Italia-Club di Perugia – spiegano la professoressa Mirella Damiani, delegata del Rettore per il settore Pari opportunità e politiche sociali e il professor Emidio Albertini, presidente del CUG. In tale occasione avverrà la premiazione del concorso scolastico ‘Una scienziata da scoprire a raccontare’ e ‘Il tuo logo per Donne in Scienza’, a cui hanno partecipato i ragazzi e le ragazze delle scuole secondarie di secondo grado della Provincia di Perugia e Terni”.

Prevendite: Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria 075 57542222 (tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere