CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Detenuti al lavoro per la pubblica utilità: a Terni nasce ‘Parco della legalità’

Cronaca e Attualità Terni

Detenuti al lavoro per la pubblica utilità: a Terni nasce ‘Parco della legalità’

Redazione
Condividi
Il parco
Il parco

TERNI – L’area verde delle Grazie diventa ‘Parco della legalità’, per consentire a detenuti della casa circondariale di Terni che si trovino nelle condizioni di farlo, di svolgere attività utili alla collettività per stimolare il loro reinserimento sociale. La prestazione dei carcerati è da intendersi a titolo volontario e gratuito come da convenzioni stipulate tra ministero della Giustizia e Anci, nonché tra Palazzo Spada, il tribunale, la Casa circondariale e l’Ufficio esecuzione penale esterno (Uepe).

Parco L’istituto della messa alla prova, intervenendo nella fase processuale precedente alla sentenza, consente all’imputato di richiedere ed ottenere l’estinzione del reato (nel caso di un esito positivo della prova), attraverso lo svolgimento di un programma di trattamento elaborato d’intesa con l’Uepe e recepito dal giudice nell’ordinanza di sospensione del processo, viene spiegato nel testo della delibera.

Ceccotti “Il progetto del Parco della legalità – spiega l’assessore al Welfare Cristiano Ceccotti – mira a coniugare non solo l’attività di recupero lavorativo di detenuti giudicati non pericolosi, ma anche, attraverso la sensibilizzazione dei cittadini, a favorire l’innalzamento del senso di legalità nella comunità cittadina. Ci siamo mossi come sempre nell’ambito di un grande spirito di collaborazione con le altre istituzioni e con il mondo dell’associazionismo– dice –  con un vero e proprio gioco di squadra, ben consapevoli dell’importanza di questo tipo di azioni per la condivisione dei principi della legalità, per la reintegrazione nella comunità di persone che dimostrino buona volontà e che siano messe in grado di recuperare il senso civico”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere