CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Debutti e nuove produzioni per la trentunesima edizione del Todi Festival

Eventi Cultura e Spettacolo Marsciano Todi Deruta Extra Città

Debutti e nuove produzioni per la trentunesima edizione del Todi Festival

Redazione cultura
Condividi

teatro Comunale

SIPARIO UMBRIA – Dieci i debutti nazionali e quattro le produzioni in scena al Todi Festival a Todi (26 agosto – 3 settembre). Scelte del direttore artistico Eugenio Guarducci che confermano la volontà di proporre un festival che abbracci le arti performative in maniera completa, dando spazio, allo stesso tempo, a progetti nuovi che proprio sui palchi della città tuderte avranno modo di debuttare a livello nazionale.

Primo debutto sabato 26 agosto alle 21 al teatro Comunale con Grisélidis, memorie di una prostituta di Coraly Zahonero, dagli scritti e le interviste di Grisélidis Réal, traduzione di Serra Yilmaz e Alberto Bassetti, per la regia di Juan Diego Puerta Lopez, con Serra Yilmaz nei panni della protagonista, accompagnata dal sax solista di Stefano Cocco Cantini Produzione Todi Festival, I Due della Città del Sole e Golden Show). Il giorno seguente, sempre alle 21 al Comunale, prenderà il via Del Folle Amore, suoni e parole per fratello Jacopone, progetto esclusivo per il festival, frutto di una intensa collaborazione tra Eugenio Allegri e Ramberto Ciammarughi durante cui parole e musiche originali si fonderanno per rendere omaggio a Jacopone (produzione Todi Festival in collaborazione con La Consolazione Etab e Umbria Music Pool). Lunedì 28 il teatro ospiterà un’altra produzione targata Todi Festival dal titolo Insulti al pubblico per la regia di Chiara Caselli, con la stessa Caselli e Lydia Giordano nell’irriverente e provocatorio testo di Peter Handke. Stessa location martedì 29 agosto per l’anteprima nazionale di Saiyuki, concerto evento di Nguŷen Lê, virtuoso chitarrista di origine vietnamita, insieme alla cantante e suonatrice giapponese di koto Mieko Miyazaki e al suonatore indiano di tablas Edouard Prabhu. Ancora debutti nazionali con Jacopo Ortis con Brenno Placido e la regia di Matteo Tarasco (30 agosto al Comunal), A cena con l’inquisitore, con Federica Tatulli, Sara Allegrucci, Maurizio Lucà, Michele Trombettoni per la regia di Carlo Fineschi (domenica 27 alle 19 al Castello di Petroro), Una casa di donne che ripropone il testo di Dacia Maraini rivisto a quarant’anni dalla sua prima pubblicazione e affidato dall’autrice a Ottavia Orticello, per la regia di Jacopo Squizzato e la produzione di Todi Festival (30 agosto alle 21 all’ex Granaio di Montenero), L’eterna primavera della speranza, dal racconto omonimo di Stephen King realizzato dal Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare (31 agosto a Palazzo Francisi), La Musica dell’Anima con Pamela Villoresi, accompagnata dal pianoforte del maestro Marco Scolastra, spettacolo prodotto da Gazza Ladra per la regia di Maria Letizia Compatangelo (1 settembre alle 21 al Comunale), Maledetta la neve con Massimo Capuano e Chiara Meloni, spettacolo a cura di Compagnia degli Gnomi in collaborazione con Libertas Margot, sulla base di interviste condotte da Vanna Ugolini, Massimo Pici con Marco Lalli, analizzate dalla psicoterapeuta Lucia Magionami (2 settembre ore 17.30 alla Sala del Consiglio).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere