CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Crisi Sangemini, incontro in Regione ma la proprietà prende altro tempo

Economia ed Imprese Terni

Crisi Sangemini, incontro in Regione ma la proprietà prende altro tempo

Redazione economia
Condividi
Un momento dell'incontro
Un momento dell'incontro

PERUGIA– La situazione degli stabilimenti ternani del Gruppo Acque Minerali d’Italia (Sangemini ed Amerino) è stata oggetto di un incontro che si è svolto lunedì al Broletto, negli uffici della Regione. Presenti   gli assessori regionali Michele Fioroni e Roberto Morroni e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil e Rsu di stabilimento. L’incontro arriva dopo il mancato summit con la proprietà dei Pessina e la forte preoccupazione, a seguito di una forte esposizione debitoria che non sta aiutando la vendita.

Le ragioni dei sindacati. È stato sottolineato come si tratti di marchi storici del settore acque minerali, che rappresentano anche una forte e radicata identità territoriale, cresciuta e sviluppatasi negli anni intorno allo sfruttamento di questa risorsa naturale.  Le organizzazioni sindacali hanno dato conto di un incontro svolto tra le rappresentanze nazionali di categoria e la proprietà del gruppo Ami, da cui sarebbe emersa la necessità di ulteriori dieci giorni di tempo da parte dell’azienda per portare a conclusione il percorso già avviato in esito alle possibili operazioni societarie di alcuni asset del gruppo.

La Regione La Regione si “è impegnata a monitorare costantemente l’evolversi della vicenda – riferiscono Fioroni e Morroni in un comunicato dell’ente – anche attraverso possibili interlocuzioni con la proprietà”. L’impegno condiviso fra le parti è quello “di operare a tutela dei siti industriali umbri, in un’ottica di salvaguardia occupazionale”.

Cgil Sul fronte sindacale, in una nota, la Cgil ternana esprime “pieno sostegno alla lotta intrapresa dai lavoratori della Sangemini e della Amerino in difesa del proprio posto di lavoro e di due aziende strategiche per il territorio e nel panorama agroalimentare nazionale. Ribadiamo l’assoluta necessità che la proprietà Acque Minerali d’Italia si confronti con le parti sociali ed espliciti in modo chiaro e definitivo le sue reali volontà  Riteniamo irricevibile qualsiasi piano industriale che non difenda la strategicità dei due siti umbri e i relativi livelli occupazionale”.

Consiglio Comunale. Intanto il 17 febbraio la vicenda sarà oggetto di un consiglio comunale straordinario indetto dal sindaco di San Gemini Luciano Clementella.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere