CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, test rapidi ‘pungidito’, la Asl Umbria 2: “Efficacia confermata da test su zone rosse”

Cronaca e Attualità

Coronavirus, test rapidi ‘pungidito’, la Asl Umbria 2: “Efficacia confermata da test su zone rosse”

Redazione
Condividi

TERNI – L’Asl Umbria 2 ha sperimentato i test rapidi – i cosiddetti ‘pungidito-  nelle zone rosse di  di Pozzo, nel Comune di Gualdo Cattaneo e di Giove, nei giorni in cui quesete due aree della regione sono rimaste isolate ed il riscontro, secondo quanto emerge è stato positivo. In una nota, la Asl spiega lo svolgimento e l’esito degli stessi.

Numeri confermano “In queste realtà “chiuse”, intendendole come comunità in zona rossa in cui gli scambi esterni non erano consentiti – si legge-  alla luce delle numerose positività riscontrate, dall’alta presenza di soggetti sintomatici e dall’aumento esponenziale dei contagi, si è posta una duplice necessità: testare tutta la popolazione residente ed agire in tempi rapidi. Per tali esigenze si è scelto di adottare il monitoraggio su ampia scala dei test qualitativi su sangue capillare, affiancandoli ai tamponi orofaringei, per stabilire la presenza o meno degli anticorpi IgM e IgG nei residenti, secondo una logica positivo/negativo. L’efficacia è confermata dai numeri. Nel giro di poche ore, tra la frazione di Pozzo e il comune di Giove gli operatori dell’azienda sanitaria, insieme ai volontari della Regione Umbria, hanno potuto effettuare 1335 test rapidi che hanno fornito un primo significativo quadro della situazione. Con una semplice puntura sul polpastrello, come avviene per i diabetici e il prelievo di una goccia di sangue, in soli 10-15 minuti è stato possibile individuare i soggetti entrati in contatto con coronavirus. Velocità di esecuzione, quindi, ma anche soddisfacente grado di attendibilità dei risultati”.

Esperienza pilota. “L’esperienza pilota condotta dall’Azienda Usl Umbria 2 con i test sierologici di massa, che come detto presentava nel contesto dato (popolazione “chiusa” in zona rossa da giorni) un’alta sensibilità ha portato ad una prima significativa scrematura dei potenziali casi positivi.  Il grado di potere predittivo pressoché totale (pari al 97%) degli esiti negativi dei test rapidi ha permesso anzitutto di rassicurare, in tempo reale, la stragrande maggioranza della popolazione residente e concentrare l’attenzione sui soggetti potenzialmente portatori di virus, quindi infettivi, che sono stati sottoposti al successivo tampone orofaringeo che rimane l’unico strumento per diagnosticare l’infezione attiva  Infatti in tutti i test di screening. compreso questo, è senz’altro più importante escludere le persone veramente negative andando poi a confermare la minoranza dei cosiddetti positivi o “falsi positivi“, attraverso l’analisi di II livello, che in questo caso è rappresentata dal tampone orofaringe”

Risultati “Nella nostra esperienza, tra Giove e Pozzo di Gualdo Cattaneo – prosegue la nota – sono stati effettuati complessivamente 1335 test immunologici qualitativi, con una positività riscontrata in 81 casi, pari al 6% . Sui cittadini risultati negativi nel follow up successivo, non sono emersi sintomi. Il test di II livello ( tampone ) è stato effettuato solo negli 81 risultati positivi, con notevole risparmio di tempo edi materiali a favore del sistema salute. Sulla base di questi elementi, fondamentali per un’analisi corretta e compiuta sull’efficacia dei test rapidi adottati in Umbria e in altre regioni d’Italia, l’indagine epidemiologica di enorme portata condotta dall’Azienda Usl Umbria 2 si è rivelata di grande utilità sia per individuare tempestivamente i soggetti sicuramente sani dai potenzialmente infetti, sottoposti a successivi test di conferma, ma anche per rilevare la positività al virus tra i totalmente asintomatici che, in assenza  di tali controlli, avrebbero potuto diffondere ulteriormente ed esponenzialmente il contagio tra i residenti”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere