CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, leggero calo dei casi in Umbria, ma ci sono altri 15 morti

EVIDENZA Extra

Coronavirus, leggero calo dei casi in Umbria, ma ci sono altri 15 morti

Redazione
Condividi

Un medico

PERUGIA – Il bollettino della Regione di giovedì 18 febbraio segnala 319 i nuovi casi di Covid-19 in Umbria nelle ultime 24 ore su 7.283 tamponi presi in esame, per una percentuale di positivi pari al 4,38% . Le guarigioni sono state 317 mentre ci sono altri 15 decessi rispettivamente a Cannara, Città della Pieve, Deruta, fuori regione (2), Giano dell’Umbria, Magione, Panicale, Perugia (4), Polino (primo decesso con Covid), San Giustino e Todi, per un totale di 948. Gli attuali positivi al virus in Umbria sono 8.418 (-13). Dall’inizio dell’epidemia sono state riscontrate 42.058 positività (+319).

Ricoveri. Sempre a giovedì i positivi ricoverati negli ospedali umbri sono   554 (invariato) di cui 85 (+1) in terapia intensiva. Nel dettaglio dei nosocomi: Perugia 145 ricoveri (-2) di cui 26 (invariato) in intensiva; Terni 110 ricoveri (-3) di cui 24 (+1) in intensiva; Spoleto 71 ricoveri (+6) di cui 15 (+1) in intensiva; Città di Castello 56 ricoveri (invariato) di cui 8 (invariato) in intensiva; Pantalla 55 ricoveri (+1), nessuna intensiva; Foligno 55 ricoveri (-1) di cui 11 (invariato) in intensiva; Branca 23 ricoveri (invariato) di cui 1 (invariato) in intensiva; Umbertide 17 ricoveri (-1), nessuna intensiva; ospedale da campo Perugia 19 ricoveri (invariato), nessuna intensiva; Trevi 3 ricoveri (invariato), nessuna intensiva. In isolamento fiduciario ci sono 11.865 persone (-60).

Vaccinazioni. Alla mattina di giovedì  risultano vaccinate in Umbria 35.477 persone, pari al 74,10% delle dosi disponibili (47.875). Al momento all’Umbria sono stati consegnati 42 vassoi di vaccino Pfizer, ne sono stati utilizzati 31, di cui 19 per la prima dose e 12 per la seconda. I vassoi residui al momento sono 11: l’informazione arriva dall’assessore alla Salute della Regione, Luca Coletto, con la precisazione che ogni vassoio conta 1170 dosi, utili a completare l’iter vaccinale, quindi con la somministrazione della prima e seconda dose, per 585 soggetti.

Consegna Per quanto riguarda il vaccino Moderna sono state consegnate 43 scatole (2300 dosi) che saranno utilizzate per vaccinare con prima e seconda dose 1.150 soggetti.  Di queste sono state utilizzate 10 scatole per la prima dose e altre 10 per la seconda. Dal primo marzo, le 23 scatole rimanenti saranno utilizzate, al 50 per cento, dai medici di medicina generale per la vaccinazione a domicilio degli over 80 non deambulanti. Infine alla Regione  sono state consegnate 80 scatole di vaccino Astrazeneca (8000 dosi), che a partire dalla prossima settimana, saranno utilizzate per l’avvio della vaccinazione del personale scolastico come previsto nella Fase3. Altre 84 scatole sono in arrivo.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere