CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, Lattanzi avverte: “Province fondamentali per ripartire veloci”

Terni Politica

Coronavirus, Lattanzi avverte: “Province fondamentali per ripartire veloci”

Redazione politica
Condividi
Giampiero Lattanzi
Giampiero Lattanzi

TERNI – “Il dopo coronavirus renderà indispensabile rivedere molte cose per far ripartire l’Italia e creare condizioni stabili e certe per il futuro sviluppo economico, occupazionale e socio-culturale del Paese”. Con questa premessa il numero uno della provincia di Terni e presidente Upi Umbria, Giampiero Lattanzi, torna ad insistere sulla necessità di rilanciare con decisione il ruolo delle Province, questione rilanciata anche in un servizio della trasmissione Rai Report.

Temi  “Quando si parla, giustamente, di sanità di territorio – afferma il presidente – bisogna allora estendere il concetto anche a temi quali le istituzioni e i governi di territorio, affinché i cittadini abbiano sicuri ed efficaci punti di riferimento e le attività economiche interlocutori istituzionali e amministrativi rapidi, sburocratizzati ed efficienti. Finalmente -nota Lattanzi – si sta prendendo coscienza degli errori fatti in passato e si sta diffondendo nelle classi politiche la consapevolezza dell’assoluta necessità di ridare alle Province italiane ruoli e assetti stabili e risorse certe. Il servizio mandato in onda da Report lunedì – rimarca – ha confermato da un lato gli sbagli, e le relative ammissioni, dall’altro un ormai comune riconoscimento del fatto che le Province debbano tornare ad essere uno dei pilastri istituzionali e costituzionali della nostra nazione”.

Secondo Lattanzi “è un’esigenza, questa, che non ha né obiettivi populisti, né tantomeno speculativi, ma solo finalità di servizio al territorio, ai cittadini e alle imprese. La Provincia di area vasta – aggiunge – è un elemento istituzionale e amministrativo imprescindibile per un corretto funzionamento del sistema Italia. Altri paesi a noi vicini lo hanno capito da tempo ed hanno attuato riforme in questo senso. È giunto il momento di accelerare anche in Italia. Non si può più tergiversare o ritardare riforme e innovazioni – conclude – che sono essenziali per la ripresa dopo la grave crisi provocata dall’emergenza”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere