CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Coronavirus, la Regione ora rassicura: “Svolte verifiche su pochi casi ma tutte influenza”

EVIDENZA Perugia Terni

Coronavirus, la Regione ora rassicura: “Svolte verifiche su pochi casi ma tutte influenza”

Redazione
Condividi
Un momento della conferenza stampa
Un momento della conferenza

PERUGIA  –  In Umbria sono stati registrati “pochi” casi di pazienti con sintomi che avrebbero potuto far ipotizzare il coronavirus, “tutti però risultati negativi” dopo le verifiche subito compiute negli ospedali locali. “Non è stato nemmeno procedere ad approfondimenti allo Spallanzani. Semplici episodi di influenza che sarebbero stati trattati come tali se non ci fosse stato questo allarme generalizzato” ha sottolineato l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto. L’assessore martedì mattina in una conferenza stampa ha parlato di “situazione assolutamente sotto controllo”. “I cittadini umbri possono stare tranquilli” ha ribadito. “Abbiamo strutturato – ha spiegato l’assessore – una rete di medici sentinella sul territorio, ” intercettori” che monitorano eventuali possibili sintomi di infezione. C” è un buon coordinamento e tutti i settori interessati hanno risposto nella maniera corretta”. Coletto ha spiegato che “negativi” sono risultati finora tutti i controlli sui passeggeri in arrivo all’aeroporto di Perugia.

Ateneo Nel corso della conferenza stampa, inoltre, l’assessore ha sottolineato come “l’Università di Perugia può sicuramente dare un contributo” per la scoperta di un vaccino in grado di contrastare il nuovo coronavirus”. “Abbiamo laboratori come ematologia, virologia e infettivologia che sono importantissimi, delle eccellenze” ha aggiunto. “I nostri docenti sono assolutamente all’altezza – ha sottolineato Coletto – e sono certo che si metteranno a fianco delle istituzioni nazionali per poter dare un impulso positivo per la gestione del nuovo vaccino”.

Perugia e Terni E ancora, il dirigente dell’assessorato Claudio Dario ha sottolineato come  “le Unità operative malattie infettive degli ospedali di Perugia e Terni sono attrezzati per ospitare eventuali casi da monitorare, con 16 stanze nel capoluogo umbro e 6 a Terni. Stanze singole – è stato spiegato – con zona filtro ed accesso esterno per eventuali visitatori. Ovviamente, qualora si accertassero casi di persone contagiate, compatibilmente con le condizioni di salute sarebbero trasferite allo Spallanzani di Roma, dove sono ricoverate le poche persone colpite dal Coronavirus in Italia. Ma se ci fosse una situazione più critica – ha chiarito Dario – in Umbria siamo pronti a gestire la situazione fino in fondo“. Dario, inoltre, ha giudicato positivamente il comportamento dei circa 2.900 cittadini di nazionalità cinese che risiede attualmente in Umbria: “Hanno avuto grande attenzione – ha rimarcato – disciplina, non ci risultano problemi nelle scuole“.

Numero verde Da sabato 8 febbraio la Regione Umbria ha attivato il numero verde 800 63 63 63, gratuito, per tutte le segnalazioni e le informazioni relative al Coronavirus ed alle sue modalità di trasmissione. Un numero attivo 7 giorni su 7, dalle ore 8 alle ore 20, mentre nelle ore serali e di notte è previsto un rimando al numero verde gratuito (1500) attivato dal Ministero della Salute.

Task force.  In Umbria è attiva una task force regionale, coordinata da Dario, con il compito di “affrontare l’emergenza nel modo più efficace ed efficiente a tutela della salute pubblica”. A farne parte i direttori delle aziende sanitarie, il responsabile del 118 Paolo Borgognoni e dei pronto soccorso, quelli della Continuità assistenziale, i distretti sanitari, le organizzazioni dei medici di medicina generale, i responsabili delle cliniche di malattie infettive e quelli dei laboratori: “Abbiamo rapporti continuativi e proficui con tutti  a partire dalle scuole. L’atteggiamento è quello di cautela e le indicazioni generali sono quelle che valgono per la normale influenza stagionale, che è un rischio reale e non potenziale come il coronavirus”, ha spiegato Dario. Insomma, per il momento, tutto sotto controllo e massima sorveglianza.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere