CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, Perugina dona 90 mila uova di Pasqua per i bimbi delle famiglie in difficoltà

Perugia Cronaca e Attualità

Coronavirus, Perugina dona 90 mila uova di Pasqua per i bimbi delle famiglie in difficoltà

Redazione
Condividi
Lei uova donate
Lei uova donate

PERUGIA – Nestlé Perugina dona anche 90 mila uova di Pasqua al Banco alimentare affinché anche i bimbi delle famiglie indigenti possano vivere la tradizione. Saranno i volontari della Fondazione a regalare uno dei simboli più amati delle festività in arrivo, nel segno di un patto verso i più deboli che la multinazionale ha ormai stretto da anni con la onlus, attraverso la donazione costante di prodotti per iniziative speciali e in occasione della giornata nazionale della Colletta alimentare.

Uova di Pasqua  “Siamo vicini agli italiani durante l’isolamento da Covid-19 che sta generando distanza e, per tante persone, purtroppo, povertà» ha detto Bruno Emmenegger, Business executive manager della Divisione dolciari di Nestlé Italia, aggiungendo che «noi abbiamo la responsabilità di stare accanto a chi è in difficoltà, offrendo loro l’opportunità di non rinunciare al regalo dell’uovo di Pasqua. Se riusciremo, grazie a Banco alimentare, a portare un piccolo sorriso in queste famiglie, a queste persone, avremo raggiunto il nostro obiettivo. Consapevoli certamente che non risolveremo il problema, almeno riusciremo a donare un piccolissimo gesto di affetto”. Via dunque alla consegna delle uova di Pasqua, che sarà compiuta dal Banco alimentare, guidato da Giovanni Bruno, secondo cui “l’emergenza che stiamo vivendo rende ancora più pressante e urgente lo sforzo non solo di cercare di rispondere al bisogno quotidiano ma anche, come nei prossimi giorni “di festa”, di poter condividere un piccolo ma significativo segno di gioia e di “normalità” soprattutto per i più piccoli e fragili tra noi”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere