CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus in Umbria, gli ultimi dati: aumentano le guarigioni, le vittime sono 41

EVIDENZA

Coronavirus in Umbria, gli ultimi dati: aumentano le guarigioni, le vittime sono 41

Redazione
Condividi
Un medico in Terapia intensiva
Un medico in Terapia intensiva

PERUGIA – Dai dati aggiornati alle ore 15 di sabato 4 aprile, 1210 persone (+35 rispetto a venerdì) in Umbria risultano positive al virus Covid-19; i guariti sono 39 (+9 rispetto a venerdì), di cui 26 (+6) residenti nella provincia di Perugia, 13 (+1) in quella di Terni. Risultano 203 clinicamente guariti (+ 11), di cui 156 (+ 16) residenti nella provincia di Perugia e 47 (-3) in quella di Terni. I deceduti sono 41 (+2 rispetto a venerdì): 24 (+1) residenti nella provincia di Perugia e 14 (+1) in quella di Terni, 3 di fuori regione. Tra i 1210 pazienti positivi, 42 sono di fuori regione, 905 (+ 71)  sono residenti nella provincia di Perugia e 263 (+17) in quella di Terni.

Ricoverati Sono ricoverati in 211: di questi, 150 (-2) sono residenti nella provincia di Perugia e 52 (+ 1) in quella di Terni, 9 sono di fuori regione. I ricoveri nell’ospedale di Perugia sono 62 (-4), 54 (-1) in quello di Terni, 35 (-1) a Città di Castello, 44 (+2) a Pantalla, 5 (invariato) a Orvieto, 11 (+2) a Foligno. Dei   ricoverati, 44 (-3) sono in terapia intensiva, 17 (-1) nell’ospedale di Perugia, 15 (-2) in quello di Terni, 5 (-2) a Città di Castello, 5 in quello di Orvieto, 2 (+1) a Foligno. Le persone in osservazione sono 4158 (-78): di questi, 3391 (-19) sono nella provincia di Perugia e 767 (-59) in quella di Terni.

Isolamento Sempre alla stessa data, risultano 5415 (+315) persone uscite dall’isolamento, di cui 4260 (+ 249) nella provincia di Perugia e 1055 (+65) in quella di Terni. Nel complesso entro le ore 15 del 4 aprile, sono stati eseguiti 11809 tamponi (+1199 rispetto a venerdì). I pazienti clinicamente guariti sono quelli che, dopo aver presentato manifestazioni cliniche come febbre, rinite, tosse, mal di gola e, nei casi più gravi, polmonite con insufficienza respiratoria, diventa asintomatico, clinicamente guarito, pur risultando ancora positivo al test per la ricerca di SARS-CoV-2. In questo caso, pur non essendo più necessario il ricovero, il paziente non può ritornare alla vita di comunità perché ancora con una carica virale elevata. Il paziente ufficialmente guarito invece, è colui che risulta negativo in due test consecutivi, effettuati a distanza di 24 ore uno dall’altro.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere