CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus in Umbria, altri quindici vittime ma ci sono 598 guariti: migliora l’indice Rt

EVIDENZA Perugia Terni

Coronavirus in Umbria, altri quindici vittime ma ci sono 598 guariti: migliora l’indice Rt

Redazione
Condividi
Dario e l'assessore Coletto
Dario e l'assessore Coletto

PERUGIA – Altri 598 nuovi guariti al Covid in Umbria nell’ ultimo giorno che ha fatto registrare 289 nuovi casi. Nel bollettino del 3 dicembre 2020 si contano purtroppo anche altri 15 deceduti. I dati sono stati fornito giovedì mattina dal direttore alla Sanità della Regione Umbria Claudio Dario nel corso della conferenza stampa settimanale sull’andamento della pandemia. “Ormai siamo pressoché in un rapporto due o tre a uno tra guariti e nuovi positivi” ha aggiunto. I tamponi analizzati sono stati 3.508 con un tasso di positività dell’ 8,2% (ieri 6,9%). Dario ha inoltre annunciato che in base ai dati dell’ Istituto superiore della sanità, l’ indice Rt per l’ Umbria 0,71 sugli ultimi 14 giorni “e quindi coincide” con le valutazioni della Regione. “Un dato positivo – ha sottolineato il direttore – che ci fa essere ottimisti per la valutazione che ci sarà a fine settimana riguardo all’ attribuzione dell’ Umbria in merito alle fasce di protezione. E’ infatti la seconda settimana che si confermano questo tipo di dati ed è il tempo che la Cabina di regia ritiene adeguato per valutare la stabilizzazione. E’ quindi giusto essere ottimisti”.

Influenza In Umbria oltre il 70 per cento degli ultrasessantacinquenni sono stati sottoposti a vaccinazione antinfluenzale, ha sottolineato annunciato il direttore regionale alla Sanità Dario . “Le case farmaceutiche – ha aggiunto – hanno comunicato alle farmacie delle aziende sanitarie la consegna delle altre dosi necessarie entro il 15 dicembre”.  Riguardo alle forniture per le farmacie pubbliche e private che sono tuttora completamente sprovviste di vaccino per il resto della cosiddetta popolazione attiva, il direttore ha spiegato che “non ci sono novità rispetto alla produzione e messa in disponibilità”. “Abbiamo segnalato ancora – ha aggiunto – la situazione al ministero e alla Protezione civile ma in questo momento non abbiamo novità”.

(Servizio in aggiornamento)