CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus in Umbria, sette vittime e 556 nuovi positivi: 5.509 tamponi effettuati

EVIDENZA Perugia Terni

Coronavirus in Umbria, sette vittime e 556 nuovi positivi: 5.509 tamponi effettuati

Redazione
Condividi
Un tampone al drive in
Un tampone al drive in

PERUGIA – L’ultimo bollettino diramato giovedì 19 da Regione Umbria parla di 556 i nuovi positivi su 5.509 tamponi effettuati con un tasso di positività del 10,1%, stabile rispetto agli ultimi giorni. Nelle ultime 24 ore ci sono stati anche sette decessi e 438 guariti. I ricoverati totali sono 446 (+2 rispetto a ieri) per una occupazione totale del 50% dei posti, mentre in terapia intensiva sono 76 (+1), circa il 58% dei posti totali.

Riduzione Giovedì mattina nel corso del briefing settimanale della Regione Umbria, i ricercatori del Nucleo epidemiologico regionale hanno sottolineato che in Umbria “come a livello nazionale abbiamo una riduzione della crescita che non è più esponenziale. Negli ultimi 15 giorni vediamo un appiattimento, anche se quando ci sono molti casi alcune defaillance dei sistemi di contact tracing possono esserci stati. Ma più indicatori insieme ci fanno vedere una situazione più stabile rispetto all’impennata da ottobre a inizio novembre. Quindi le misure prese stanno dando risultati”. Nel corso del briefing è stato riportato come l’indice Rt (parametro di riproducibilità dell’infezione) medio negli ultimi 15 giorni calcolato dalla Regione sarebbe a 1,01.

Posti letto Registra una occupazione al 50% dei posti letto disponibili (446 i ricoverati attuali) in terapia ordinaria e del 58% di quelli in intensiva (76 dato odierno) l’Umbria alle prese con la seconda ondata dell’epidemia Covid. Che vede “una fase di rallentamento ma non di inversione”, come è stato sottolineato nella consueta videoconferenza stampa di aggiornamento settimanale sullo scenario legato all’emergenza sanitaria. Claudio Dario, direttore regionale alla Sanità, e il commissario per l’emergenza, Antonio Onnis, insieme ai ricercatori del nucleo epidemiologico regionale hanno parlato di “una crescita che non è più esponenziale, con l’appiattimento dell’andamento della curva negli ultimi 15 giorni”.

Età media In base ai dati presentati è stato evidenziato come l’età media degli infetti è andata progressivamente crescendo, passando da 38 a 45 anni attuali, dato fermo così da un paio di settimane, mentre quella dei ricoverati è di 80 anni. Tra le classi di età, inoltre, quella 14-18 anni scende da un paio di settimane e anche le fasce 25-44 e 0-5 vanno verso una stabilizzazione, mentre crescono ancora quelle 6-10 anni e 11-13. Su 67 strutture residenziali (Rsa e Residenze protette) monitorate, sono 48 quelle che presentano al momento casi positivi (328 ospiti e 187 operatori). I decessi sono stati 29, con una incidenza tra l’1,9 e il 2,1%, per un dato in linea con quello nazionale, come ha spiegato Ilaria Vescarelli, referente Usec per le Rsa. Sono 446 infine, ad oggi, gli operatori sanitari umbri positivi e 167 i guariti.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere