CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus in Umbria, registrati 286 nuovi casi: Perugia supera i mille positivi

EVIDENZA Perugia Terni

Coronavirus in Umbria, registrati 286 nuovi casi: Perugia supera i mille positivi

Redazione
Condividi
Medici al lavoro
Medici al lavoro

PERUGIA – Stando al bollettino diramato dalla Regione giovedì 21 gennaio ci sono 286 i nuovi casi di Coronavirus in Umbria registrati nelle ultime 24 ore. Il dato è relativo a 3.332 tamponi presi in esame (totale 560.286) per una percentuale di positivi del 8,58%. Le guarigioni riscontrate sono state 161 (totale 27.741). Si registrano purtroppo altri 9 decessi con Covid-19, relativi ai territori di Castiglione del Lago, Città di Castello, Foligno, fuori regione, Giove, Magione, Piegaro, Terni e Todi, per un totale che sale a 723. In base a tali numeri, gli attuali positivi al virus in Umbria sono 4.721 (+116). Dall’inizio dell’epidemia sono state riscontrate 33.185 positività (+286).

Ricoveri Alla mattinata di giovedì le persone affette dal virus ricoverate negli ospedali umbri sono 332 (+3) di cui 46 (invariato) in terapia intensiva. Così i singoli ospedali: Terni 80 ricoveri (-3) di cui 16 (-1) in intensiva; Perugia 74 ricoveri (+1) di cui 10 (+2) in intensiva; Spoleto 55 ricoveri (+2) di cui 7 (+1) in intensiva; Città di Castello 42 ricoveri (-3) di cui 4 (-2) in intensiva; Pantalla 37 ricoveri (+2), nessuna intensiva; Foligno 31 ricoveri (+2) di cui 8 (invariato) in intensiva; ospedale da campo Perugia 10 ricoveri (+1), nessuna intensiva. In isolamento fiduciario ci sono 6.320 persone (+227), mentre sono sin qui usciti dalla misura in 117.190 (+357).

Perugia torna sopra mille positivi I 4.721 (+116) attualmente positivi sono così distribuiti: Perugia 1.030 (+66), Fuori Regione 538 (+9), Terni 347 (-3), Foligno 292 (+18), Città di Castello 261 (-4), Magione 225 (+9), Corciano 160 (+1), Gubbio 157 (-2), Assisi 142 (+11), Spoleto 132 (+2), Marsciano 114 (+2), Gualdo Tadino 90 (-11), Bastia Umbra 70 (+4), Amelia 69 (-10), Castiglione del Lago 65, Tuoro sul Trasimeno 47 (+5), Torgiano 46 (+16), Narni 45, Città della Pieve 45 (+3), Nocera Umbra 44 (+4), Todi 39 (+1), Trevi 38 (+2), Umbertide 37 (-2), Deruta 37, Bettona 36 (+2), Orvieto 35 (-1), Spello 32 (+8), Montefalco 32 (+1), Passignano sul Trasimeno 30 (+2), Norcia 29 (+1), Stroncone 27 (-2), San Giustino 27 (+1), Collazzone 24, Bevagna 24 (+1), Gualdo Cattaneo 21 (+1), Montecastrilli 20 (-2), Attigliano 20 (-7), Avigliano Umbro 19 (-1), Cannara 18, Panicale 17 (+3), Calvi dell’Umbria 17 (-2), Piegaro 15, Fratta Todina 11 (+1), Valfabbrica 10, Allerona 10 (-2), Monte Castello di Vibio 9 (-1), Citerna 9 (+1), Cerreto di Spoleto 9, Vallo di Nera 8 (-1), San Gemini 8 (-1), Valtopina 7 (-1), San Venanzo 7 (-1), Monte Santa Maria Tiberina 7, Massa Martana 7 (+1), Castel Viscardo 7, Sellano 6 (-1), Paciano 6 (+1), Lugnano in Teverina 6, Giano dell’Umbria 6, Fossato di Vico 6, Acquasparta 6, Scheggino 5, Castel Ritaldi 5, Arrone 5, Sant’Anatolia di Narco 4, Pietralunga 4 (-1), Otricoli 4, Castel Giorgio 4 (-1), Scheggia e Pascelupo 3 (-2), Penna in Teverina 3, Montegabbione 3, Giove 3 (-2), Fabro 3, Porano 2, Monteleone di Spoleto 2, Costacciaro 2 (-1), Campello sul Clitunno 2 (+1), Sigillo 1, Preci 1, Monteleone d’Orvieto 1, Montecchio 1, Guardea 1, Ferentillo 1, Cascia 1, Baschi 1, Alviano 1, Polino 0, Poggiodomo 0, Parrano 0, Montone 0, Montefranco 0, Lisciano Niccone 0, Ficulle 0.

Focolaio Nel frattempo, un focolaio con diversi contagi all’interno dell’ospedale di Castiglione del Lago è stato scoperto attraverso i tamponi effettuati nelle ultime ore. In particolare, le positività sarebbero 15 (12 pazienti e 3 operatori) si concentrerebbero nel reparto di Medicina generale del nosocomio lacustre. Le autorità sanitarie della Usl Umbria 1 e della Regione si sono immediatamente attivate. Qualora appurato si procederebbe all’isolamento degli infetti e alla sanificazione, come avvenuto per analoghi casi accaduti negli ultimi mesi in diversi ospedali come Città di Castello e Orvieto.

Positivo in ospedale. Massima attenzione della Direzione dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni per l’efficacia sia dei servizi dedicati ai pazienti No Covid, sia per quelli dedicati ai casi di positività. Nelle ultime ore l’ospedale Santa Maria sta accogliendo un numero crescente di pazienti No Covid. Per questo motivo, la Direzione sta portando avanti una riorganizzazione dei posti letto: in particolare, nelle prossime ore, verrà ripristinata un’ulteriore area di degenza dedicata ai pazienti No Covid. Il tutto dopo che già nelle ultime settimane un’area di degenza medica al secondo piano è stata ripristinata con lo stesso obiettivo. Inoltre, è già previsto che ai primi giorni di febbraio verrà aperta una ulteriore area, sempre dedicata ai pazienti No Covid. Nella tarda serata di mercoledì un paziente ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva, nei posti letto della ‘Recovery Room’ del primo piano, è risultato positivo. Subito sono scattate tutte le procedure previste: il paziente è stato trasferito nel reparto Terapia Intensiva Covid e, al contempo, sono scattate tutte le procedure per gli operatori sanitari e gli altri pazienti. Inoltre, pur considerando minimo il rischio contagio in virtù delle procedure di sicurezza garantite normalmente e costantemente per tutte le operazioni interne all’ospedale, si è proceduto alla sanificazione non solo dell’area della Recovery Room ma anche di tutte le sale operatorie della Piastra Operatoria al primo piano. Le operazioni, grazie alla professionalità e all’attenzione di tutto il personale, hanno permesso questa mattina la ripresa delle attività ospedaliere in tutta sicurezza, anche grazie alle procedure predisposte, garantendo ai pazienti il rispetto delle attività programmate.

Vaccino Mercoledì sono stati 247 gli umbri che hanno ricevuto una dose di vaccino anti Covid. Di questi 231 sono operatori sanitari, 9 ospiti di Rsa e 7 personale non sanitario. A 232 di loro è stato iniettato il vaccino Moderna. Il bilancio totale dei vaccinati finora è di 13.492 di cui 84 hanno già ricevuto la seconda dose del siero Pfizer.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere