CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus in Umbria, registrati 262 nuovi casi e altre 10 vittime: calano i ricoveri

EVIDENZA Perugia Terni

Coronavirus in Umbria, registrati 262 nuovi casi e altre 10 vittime: calano i ricoveri

Redazione
Condividi

Un medico

PERUGIA – Stando all’aggiornamento di martedì 23 febbraio fornito dalla Regione sono 262 i nuovi casi di Coronavirus in Umbria registrati nelle ultime 24 ore. Il dato è relativo a 7.245 tamponi presi in esame, per una percentuale di positivi pari al 3,61% (lunedì 22 era stata del 7,79%). Le guarigioni riscontrate nello stesso arco temporale sono state 217 (totale 33.839). Si registrano purtroppo altri 10 decessi, relativi ai territori di Bastia Umbra, Bevagna, Città di Castello, Marsciano, Perugia (4), Polino e Terni, per un totale che sale a 1.003. In base a tali numeri, gli attuali positivi al virus in Umbria sono 8.509 (+35). Dall’inizio dell’epidemia sono state riscontrate 43.351 positività (+262).

Ricoveri Alla mattinata di martedì le persone affette dal virus ricoverate negli ospedali umbri sono 552 (-4) di cui 79 (-2) in terapia intensiva. Così i singoli ospedali: Perugia 153 ricoveri (+1) di cui 26 (+1) in intensiva; Terni 119 ricoveri (+3) di cui 24 (-1) in intensiva; Spoleto 68 ricoveri (+2) di cui 14 (invariato) in intensiva; Pantalla 56 ricoveri (invariato), nessuna intensiva; Foligno 55 ricoveri (invariato) di cui 10 (-1) in intensiva; Città di Castello 54 ricoveri (-3) di cui 5 (-1) in intensiva; Branca 21 ricoveri (invariato), nessuna intensiva; ospedale da campo Perugia 16 ricoveri (-1), nessuna intensiva; Umbertide 8 ricoveri (-6), nessuna intensiva; Trevi 2 ricoveri (invariato), nessuno in intensiva. In isolamento fiduciario ci sono 11.283 persone (-141).

Vaccinazione Saranno aperte a partire dalle 8,30 di  domani 24 febbraio, le prenotazioni in Umbria per il personale docente e non docente della scuola e dell’Università.

Il personale docente e non docente della scuola statale, da domani 24 febbraio alle ore 8.30, potrà prenotarsi direttamente tramite il Portale https://vaccinocovid.regione.umbria.it/cup/ e presso le farmacie. Coloro che hanno attivato la App IO riceveranno la notifica per l’adesione alla campagna. La loro vaccinazione, con vaccino Astrazeneca, riservato ai soggetti di età compresa tra i 18 e i 54 anni senza patologie, inizierà sabato 27 febbraio e proseguirà per tutto il mese di marzo.

Per la prenotazione del personale universitario, verranno adottate procedure specifiche in accordo con l’Ateneo di Perugia che saranno comunicate a breve.

Il personale docente e non docente della scuola non statale potrà prenotarsi successivamente, non appena verranno comunicati alla Regione gli elenchi ufficiali. Tali soggetti riceveranno una mail con le istruzioni per l’adesione, oltre alla notifica sulla App IO, per chi l’ha scaricata.

Mentre tutti i cittadini, nati da febbraio a dicembre 1941, nel 1939 e negli anni precedenti potranno prenotare la vaccinazione a partire da giovedì 25 febbraio alle ore 8.30. La loro vaccinazione, con vaccino Pfizer, inizierà lunedì 1 marzo e proseguirà nei mesi di aprile e maggio.

Per tutti i soggetti sopraelencati le modalità di prenotazione sono le stesse già comunicate: tramite il Portale https://vaccinocovid.regione.umbria.it/cup/ e presso le farmacie.

Il personale delle Forze dell’Ordine, Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e gli altri corpi, inizieranno la vaccinazione questa settimana e verranno contattati dai rispettivi referenti.

Da lunedì primo marzo inoltre, i medici di medicina generale cominceranno le vaccinazioni a domicilio dei cittadini ultraottantenni impossibilitati a recarsi presso i punti vaccinali. Per questa fascia della popolazione non è necessaria la prenotazione, in quanto coloro che vi rientrano, saranno contattati direttamente dal medico.

I punti vaccinali territoriali sono consultabili sul sito https://emergenzacoronavirus.regione.umbria.it/

Sono circa 14 mila sono i lavoratori del mondo dell’istruzione destinatari della dose che potranno prenotarsi dalle 8.30 del 24 febbraio e riceveranno una mail con le istruzioni necessarie. La prima inoculazione per loro è prevista il 27 febbraio. Dal 25 febbraio, invecei, potranno prenotarsi i cittadini nati tra febbraio e dicembre 1941, nel 1939 e in tutti gli anni precedenti. La vaccinazione inizierà il primo marzo e proseguirà ad aprile e maggio. Da lunedì primo marzo inizieranno le vaccinazioni a domicilio dei cittadini ultraottantenni impossibilitati a recarsi nei punti vaccinali. Per questa fascia della popolazione non è necessaria la prenotazione, in quanto coloro che vi rientrano, saranno contattati direttamente dal medico. Poi toccherà anche alle forze dell’ordine, polizia e carabinieri.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere