CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Coronavirus, il Pd attacca Coletto: “C’è allarme e l’assessore fa campagna elettorale in Veneto per la Lega”

Perugia Terni Politica

Coronavirus, il Pd attacca Coletto: “C’è allarme e l’assessore fa campagna elettorale in Veneto per la Lega”

Redazione politica
Condividi
Il post pubblicato da Bettarelli
Il post pubblicato da Bettarelli

PERUGIA – Il Pd umbro, con il gruppo consiliare in Regione, va all’attacco dell’assessore alla Sanità Luca Coletto. Il motivo? Mentre in Umbria c’è l’emergenza Coronavirus l’assessore  era in Veneto a fare campagna elettorale per la Lega. L’accusa è stata rilanciata dal consigliere regionale dem Michele Bettarelli e da tutti gli altri con post che hanno l’hashtag #vergogna. E subito partono le bordate.

Bettarelli  “È vergognoso e imperdonabile – attacca Michele Bettarelli – che oggi l’Assessore alla Sanità dell’Umbria sia in Veneto a fare banchetti per la Lega e NON in Umbria a presiedere riunioni e monitorare la situazione. Uno schiaffo ai tanti Amministratori, alle centinaia di operatori sanitari, medici e forze dell’ordine al lavoro per affrontare l’emergenza. Uno schiaffo a tutti gli Umbri». Bettarelli poi aggiunge: “Aggiornamento delle ore 22:00 ecco l’ammissione di colpa grave: l’Assessore Coletto sul suo profilo RIMUOVE il post con le foto del banchetto di oggi. Un Assessore che non si assume neanche le sue responsabilità!!”. Dello stesso tenore il post pubblicato dal consigliere e vice presidente del consiglio regionale, Simona Meloni.

 Bori  Va all’attacco anche il capogruppo Tommaso Bori: “L’Umbria e gli umbri meritano di meglio – rincara il capogruppo Tommaso Bori -: l’assessore (si, con la A minuscola) della Sanità è in Veneto sceso in piazza a fare i banchetti per la Lega mentre nella regione che dovrebbe governare si riunisce la task force contro l’infezione da Coronavirus in cui lui dovrebbe essere presente. L’assessore Coletto si fa un bel weekend lungo di vacanza, mentre gli operatori sanitari sono in prima linea a fronteggiare l’emergenza. Senza vergogna”. La polemica è servita.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere