CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, Foligno rinvia le tasse locali. De Rebotti chiama in causa la Regione

Politica

Coronavirus, Foligno rinvia le tasse locali. De Rebotti chiama in causa la Regione

Redazione politica
Condividi
Francesco De Rebotti
Francesco De Rebotti

FOLIGNO – La giunta comunale di Foligno rinvia di tre mesi le scadenze di alcune tasse locali. Dopo l’appello della Confcommercio, che col presidente regionale Giorgio Mencaroni ha scritto a tutti i sindaci dell’Umbria chiedendo intervenire autonomamente senza attendere gli eventuali provvedimenti del governo, che non ha sospeso le tasse locali. Almeno per ora la palla è nella mani dei Comuni che sono spalle al muro, perché senza il gettito fiscale di imposte e tributi locali non solo non riusciranno a tendere la mano ai tanti che ne avranno bisogno, ma rischiano anche di non avere risorse per garantire i servizi pubblici.

De Rebotti In questo senso, il sindaco di Narni e presidente Anci (associazione nazionale comuni italiani) Umbria ha chiesto alla Regione «di sostenere la proposta della sospensione dell’accantonamento dei fondi per i crediti di dubbia esigibilità dei Comuni, che permetterebbe – è la sostanza – di recuperare immediatamente risorse già presenti nei bilanci comunali per destinarli, eccezionalmente e solo per quest’anno, alla decontribuzione di famiglie ed imprese». De Rebotti fa riferimento «in particolare a quei soggetti che avranno danno al proprio lavoro personale e a tutte quelle imprese, di ogni categoria, che hanno dovuto cessare da un giorno all’altro le proprie attività».

Appello iGiovedì gli operatori economici hanno chiesto la sospensione almeno fino al 30 settembre delle tasse locali e il primo intervento in questa direzione arriva dalla giunta di Foligno che ha fatto slittare le scadenze della seconda rata Tosap e imposta pubblicità al 30 giugno. Un rinvio di tre mesi, quindi più stretto di quello richiesto da Confcommercio. La giunta di Foligno ha anche dilazionato la Tari da due a tre rate: due in acconto con scadenza 30 giugno 2020 e 30 settembre 2020 e la terza a saldo con scadenza 2 dicembre 2020. Il sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, ha sottolineato che “la decisione della giunta è autonoma, non essendo imposta dai provvedimenti nazionali, e rappresenta un aiuto in più che vogliamo dare agli imprenditori e alle famiglie di Foligno, per far sentire che in un momento particolare l’amministrazione comunale è a loro vicina e farà di tutto per alleviare al massimo i disagi”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere