CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, c’è il primo morto in Umbria: è un noto musicista tifernate: cordoglio delle autorità

EVIDENZA Extra

Coronavirus, c’è il primo morto in Umbria: è un noto musicista tifernate: cordoglio delle autorità

Redazione
Condividi
L'ospedale di Perugia
L'ospedale di Perugia

CITTA’ DI CASTELLO – Primo morto in Umbria per il Coronavirus. Si tratta di Ivano Pescari, famoso musicista 66enne originario di Città di Castello, L’uomo era stato ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Perugia. Il paziente era arrivato nel nosocomio perugino.

La nota La direzione dell’Azienda ospedaliera di Perugia ha comunicato nella tarda serata di giovedì la morte di Pescari. Il decesso è avvenuto nella struttura di Rianimazione dove il paziente di 66 anni, originario del comune di Città di Castello, era ricoverato da soli due giorni. Le sue condizioni era apparse subito gravi già durante il ricovero presso l’ospedale di Città di Castello. Il decesso è avvenuto alle 19 circa. I familiari sono stati avvertiti dal personale della direzione medica del Santa Maria della Misericordia.

Marchetti Immediate le manifestazioni di cordoglio. “Oggi – scrive su Facebook il deputato Riccardo Augusto Marchetti con un post condiviso anche dal profilo ufficiale della Lega Umbria – abbiamo perso un amico, un altoteverino doc: il Maestro Ivano Pescari, che con la sua musica ha animato serate in tutta Italia e fatto ballare intere generazioni, regalando spensieratezza e allegria in tante feste popolari. Il Coronavirus ci ha portato via un artista che ha fatto la storia del liscio ma a noi resterà la sua musica e ricorderemo sempre il suo sorriso e la sua energia. La terra ti sia lieve, Ivano”.

Paladino Il sindaco di Citerna, Enea Paladino: “È morta la prima persona di coronavirus nella nostra vallata, le mie più sentite condoglianze alla famiglia. Cari amici per tutti i comuni dell’Alto Tevere iniziano le settimane più difficili, come in tutta Italia, ora più che mai dobbiamo attenerci a tutte le disposizioni e precauzioni richieste. Di coronavirus si muore! Non diamogli ulteriore modo di diffusione…state a casa”.

Tesei “Esprimo sincero cordoglio e mi stringo alla famiglia dell’uomo, positivo al virus Covid-19, deceduto ieri sera all’Ospedale Santa Maria di Perugia”. E’ quanto afferma la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei. “E’ necessario – prosegue Tesei -, per proteggere noi e gli altri, seguire scrupolosamente le limitazioni di questi giorni. E’ un sacrificio che dobbiamo fare per avere la meglio sul virus. Il sistema sanitario umbro è pronto e si sta preparando sempre più per affrontare la situazione attuale e ad eventuali future criticità. I prossimi giorni saranno sicuramente impegnativi, ma se, pur nella distanza fisica, rimaniamo uniti e faremo squadra, riusciremo ad uscirne vincitori. Voglio rivolgere anche un pensiero e un profondo ringraziamento agli operatori della sanità umbra, chiamati ad uno sforzo enorme, nonché a tutti coloro che pur nell’emergenza – conclude la presidente – continuano a svolgere la loro attività per garantire sicurezza e servizi essenziali”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere