CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, c’è chi specula sulle mascherine: sequestri della Guardia di finanza di Perugia

EVIDENZA Perugia Terni

Coronavirus, c’è chi specula sulle mascherine: sequestri della Guardia di finanza di Perugia

Redazione
Condividi
Mascherine contro il coronavirus
Mascherine contro il coronavirus

PERUGIA – Decine di mascherine di dubbia provenienza sequestrate dalla Guardia di finanza di Perugia. È tra i risultati delle disposizioni date dai prefetti alle forze dell’ordine in questi giorni di emergenza Coronavirus. Le Fiamme gialle, informa una nota, hanno provveduto a intensificare i controlli in materia di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti e simili) e prodotti igienico-sanitari. L’obiettivo è quello di evitare che alcuni soggetti, cavalcando l’onda della preoccupazione suscitata dal diffondersi del virus, vendano prodotti non idonei a garantire la tutela dei cittadini (talvolta a cifre da capogiro, ben al di sopra del normale prezzo di mercato), se non addirittura pericolosi.

Sequestri Le “mascherine” sono tra i prodotti più a rischio per quanto riguarda questo genere di illeciti. Negli ultimi giorni ne sono stati sequestrate decine, dalla dubbia origine, prive delle marcature identificative previste dalla normativa europea e nazionale, potenzialmente dannose per la salute. L’operato della guardia di finanza non si limita al solo commercio “fisico”: il piano prevede il monitoraggio anche delle vendite online, settore tradizionalmente più esposto alle truffe in materia di commercio al dettaglio.

Controlli I Finanzieri continuano, assieme alle altre forze di polizia, a contribuire al mantenimento dell’ordine pubblico nelle situazioni più delicate. I militari hanno provveduto immediatamente a dotarsi di idonei dispositivi di protezione individuale, allo scopo di garantire l’efficienza dell’operato e la salute della collettività.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere