CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Coronavirus, Agabiti: “Zona rossa, presto bonus babysitter”

Perugia Cronaca e Attualità Terni

Coronavirus, Agabiti: “Zona rossa, presto bonus babysitter”

Redazione
Condividi

PERUGIA – “Stiamo studiando nuovi strumenti da offrire alle famiglie per conciliare i tempi di vita e di lavoro. Prevediamo un contributo straordinario per le famiglie, da realizzare nel breve periodo, per servizi di baby sitter e voucher famiglia”. Lo ha detto martedì pomeriggio l’assessore regionale Paola Agabiti in consiglio regionale, rispondendo a una interrogazione della consigliera leghista Paola Fioroni, in relazione alle nuove restrizioni per il Covid.

Contributi “Stiamo definendo – ha sottolineato Agabiti – gli avvisi per i contributi per le famiglie della zona rossa, per ridurre l’impatto economico e sociale della pandemia. La Giunta ha sempre sostenuto i servizi per la prima infanzia, pubblici e privati, sin da aprile, con circa 400 mila euro. A luglio 2020 è stato definito il riparto del fondo nazionale per i servizi integrati di educazione e istruzione 0-6 per quasi 4 milioni di euro a cui si sono aggiunti 500 mila euro di fondi regionali. Essi sono stati destinati ai Comuni per le spese di gestione dei servizi educativi. Circa 190 mila euro sono stati destinati all’attività formativa per i docenti. Intendiamo sviluppare il sistema integrato 0-6 puntando sui Poli educativi, soprattutto per quei territori dove è più carente il servizio socio-educativo”.

Test gratis La Regione, intanto, ha esteso anche a tutti i bambini e al personale (educatori e altro personale) dei servizi socio educativi per la prima infanzia e alle scuole dell’Infanzia, siano essi pubblici che privati, la somministrazione di test diagnostici su base volontaria sulla popolazione scolastica (studenti, docenti e non docenti), di tutte le scuole primarie e secondarie, pubbliche e private dell’Umbria e dei corsi di Istruzione e Formazione Professionale, attivato nelle scorse settimane.  Lo prevede la recente delibera della Giunta regionale.

Come fare Per effettuare il test occorre: prenotare il test presso una farmacia che aderisce all’iniziativa recarsi (se minorenne accompagnato da genitore/tutore/soggetto affidatario); presso la farmacia prenotata munito dell’autocertificazione si effettua il test e si riceve l’esito via mail entro 10-15 minuti; in caso di positività viene informato anche il medico di medicina generale per la prenotazione del tampone nasofaringeo; nel frattempo l’interessato dovrà restare in isolamento domiciliare; se anche il successivo tampone molecolare risulterà positivo l’interessato sarà seguito dal servizio di igiene e sanità pubblica. Finora i test su popolazione studentesca effettuati nella rete delle farmacie aderenti a Federfarma sono stati 23.072, di cui 195 sono risultati positivi.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere