CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Cornacchini carica il Gubbio per l’esordio, arriva il maltese Camilleri

Calcio Alta Umbria Sport

Cornacchini carica il Gubbio per l’esordio, arriva il maltese Camilleri

Redazione sportiva
Condividi

GUBBIO – L’esordio sarà da brividi, al Romeo Menti, sul campo del Vicenza fresco di retrocessione e allenato dal grande ex Vincenzo Torrente. Giovanni Cornacchini, tecnico del Gubbio, mette a punto le ultime mosse in vista del match (domani ore 18.30) e intanto dà il benvenuto ad un nuovo giocatore: si tratta del laterale destro difensivo classe 2000 Romario Camilleri, ex Birkirirkara, reduce da una esperienza nell’Under 17 del Frosinone. L’arrivo del baby rientra nell’ambito di un progetto italiano della Malta Football Association per promuovere lo sport e la cultura maltesi. Di contro, lascia la squadra Lorenzo Schiaroli, che passa in prestito all’Aquila Montevarchi, serie D.

Cornacchini: “Sarà battaglia stimolante”. Nel pregara, intanto il tecnico carica il gruppo: “Sono convinto che dal punto di vista della mentalità la squadra non sbaglierà nulla. In settimana ho visto ragazzi concentrati, vogliosi di lavorare e poi andare a giocare contro una big come il Vicenza, dà sempre grossi stimoli. Siamo pronti a dare battaglia, si giocherà davanti ad un pubblico di categoria superiore e il campo come sempre decreterà il migliore” E ancora: “Penso che contro il Vicenza, saranno fondamentali le motivazioni, perchè la serie C è un campionato dove non si deve mollare un centimetro e poi ripeto affrontiamo una big del campionato. Dovremo avere pure grandi capacità di soffrire, in quanto ci capiteranno nell’arco dei novanta minuti anche questi momenti. Chi temo del Vicenza? Il collettivo, ma sicuramente gli esterni, Giacomelli e De Giorgio o Di Molfetta dipende chi giocherà, sono elementi molto pericolosi sulle fasce”.

Così Cornacchini invece sulle assenze di Dierna infortunato e Valagussa squalificato: “Assenze importanti, ma chi li sostituirà non li farà rimpiangere. Modulo? Penso che non cambierò molto, il 4-3-3 potrebbe essere una soluzione”. Per espugnare il Menti servirà sbagliare poco…”Dovremo sbagliare poco quando avremo la palla, perchè la partita verrà decisa da chi sbaglierà meno”. Vicenza per Jo-Condor significa anche bei ricordi… “Senza dubbio. Ho vinto la Coppa Italia a fine anni 90 e proprio poche settimane fa abbiamo festeggiato il ventennale. All’inizio un pizzico di emozione ci sarà, ma poi dopo il fischio dell’arbitro ognuno penserà alla propria squadra”. Concludendo Cornacchini, fa una promessa ai tifosi: “Daremo il massimo. Questo è quello che mi sento di dire ai nostri sostenitori. Il risultato poi dipenderà da tanti fattori, come sempre”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere