martedì 5 Luglio 2022 - 17:43
29.5 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

“Consigli regionali promotori dei referendum rubavano”: Lega Umbria vuole querelare Travaglio

Il direttore de Il Fatto Quotidiano su La 7 attacca le regioni promotrici della consultazione. Il capogruppo leghista Pastorelli all'attacco

PERUGIA – “Stiamo valutando la querela al direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio per le dichiarazioni gravissime e diffamatorie della dignità delle Istituzioni e dell’onorabilità dei consiglieri regionali”: lo annuncia il capogruppo regionale della Lega, Stefano Pastorelli, facendo riferimento “alle dichiarazioni di Travaglio, il quale, intervistato a La7 dice che ‘i referendum sono stati fatti perché nove Consigli regionali, pieni di inquisiti che rubavano sulle note spese, hanno cercato di perpetuare i propri ladri per mandarli nei Consigli regionali al prossimo turno’, come riporta Il Fatto Quotidiano stesso”.

La nota della Lega Umbria

“È interesse di tutti i consiglieri regionali, dell’Umbria e delle altre Regioni a cui fa riferimento il grillino Travaglio, – spiega Pastorelli in una nota – tutelare in ogni sede opportuna la dignità istituzionale e personale lesa dai deliri di chi appare sempre meno lucido nelle uscite pubbliche”.

E prosegue: “Invito Travaglio a consultare il casellario giudiziario dei consiglieri regionali dell’Umbria, scoprirà che nessuno degli esponenti della Lega o degli altri partiti è inquisito, nessuno ha rubato sulle note spese e tanto meno nessuno può essere definito ‘ladro’. Travaglio dimentica che l’istituto referendario è previsto dalla Costituzione italiana e che i consiglieri regionali svolgono il ruolo di rappresentanti dei cittadini che li hanno democraticamente eletti. Convintamente abbiamo votato in Aula per l’indizione del referendum sulla giustizia e tornando indietro lo rifaremmo di nuovo, poiché continuiamo a pensare che la giustizia in Italia abbia bisogno di una seria riforma per frenare il correntismo, tutelare gli innocenti, assicurare processi brevi ed eliminare qualsiasi contaminazione politica nell’azione dei magistrati. La nostra battaglia non finisce di certo qui e continueremo a perpetrare in Parlamento le nostre ragioni. Insieme ai nostri avvocati – conclude Pastorelli – stiamo valutando azioni legali nei confronti di Marco Travaglio per dichiarazioni mendaci e fortemente lesive della dignità delle istituzioni e delle persone”.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]