CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Congresso Pd, domenica Matteo Renzi e Maurizio Martina a Perugia

Perugia Cronaca e Attualità Politica Città

Congresso Pd, domenica Matteo Renzi e Maurizio Martina a Perugia

Redazione politica
Condividi

Matteo Renzi con Maurizio Martina e il sindaco di Milano Sala

PERUGIA – Matteo Renzi sarà a Perugia, domenica pomeriggio, insieme a Maurizio Martina, per incontrare la “generazione Erasmus” e per sollecitare una riflessione sulla storia, sul ruolo e soprattutto sul futuro dell’Europa. L’appuntamento è per le 17 presso il 110 cafè in via Pascoli a Perugia. “L’iniziativa – si legge in una nota del costituendo coordinamento umbro per Matteo Renzi segretario – si inserisce nel quadro della campagna congressuale del Pd ma vuole soprattutto rappresentare un’occasione per aprire la discussione a temi cruciali per l’agenda politica italiana. Parlare di giovani e di Europa significa mettere al centro le prospettive del Paese”. “Nelle settimane che ci separano dal 30 aprile – si legge ancora nella nota – vogliamo marcare con forza il nostro impegno per un Pd rinnovato, aperto e per un dibattito franco, sereno e concentrato sui contenuti. Siamo convinti, infatti, che anche attraverso un congresso vero e partecipato si possano rafforzare il Pd e il suo ruolo nel quadro politico nazionale; l’auspicio e l’obiettivo per cui siamo al lavoro, anche in Umbria, è, ovviamente, di confermare Matteo Renzi alla guida della segreteria”.

Omphalos Fuori dal 110 ad attendere Renzi ci sarà Omphalos, con l’intento di portare all’attenzione dell’ex premier l’emendamento presentato dal consigliere Pd Smacchi alla legge regionale contro l’omofobia che nei giorni scorsi ha scatenato un vero e proprio vespaio. “Ribadire l’alto principio costituzionale della libertà di manifestare il proprio pensiero e di attuare attività conformi ai valori di organizzazioni giuridicamente legittime”, con questa parole Smacchi ha giustificato la presentazione dell’emendamento, considerato dall’associazione perugina per i diritti Lgtbi di “estrema gravità”, perchè, secondo Omphalos dietro il paravento della libertà d’espressione ci sarebbe “il chiaro intento di svuotare la legge regionale contro l’omofobia e la transfobia e offrire un salvacondotto a quella che diventerebbe libertà di discriminazione”. Per questo Omphalos chiederà a Renzi se il Pd nazioanle “intende tutelare le vittime di discriminazione, come già espresso nero su bianco nel documento congressuale a sostegno della sua candidatura, oppure essere il promotore di una legge che avrà il primato in Italia di creare zone franche per il pensiero discriminatorio”.

 

Prossimo