CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, salta la cessione delle quote di UmbriaEnergy: maggioranza divisa

Terni Politica

Terni, salta la cessione delle quote di UmbriaEnergy: maggioranza divisa

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Era nell’aria. Sindacati ferocemente contrari, lavoratori pure, maggioranza spaccata, commissione in difficoltà, opposizioni miracolosamente compatte.

Spaccatura e patatrac Insomma, giovedì pomeriggio si è registrato un ulteriore successone della giunta Di Girolamo. La delibera recente della giunta comunale che conteneva il noto procedimento di privatizzazione delle farmacie comunali e l’alienazione delle quote possedute dal Comune, tramite Asm, in UmbriaEnergy, ha visto il consiglio approvare la parte riguardante le farmacie, ma clamorosamente stralciare e bocciare invece la vendita del pacchetto azionario di UmbriaEnergy. Alla fine, dopo l’ennesima sospensione e riunione di maggioranza, l’accordo dentro il Pd non ha retto. Da quanto risulta, allo stralcio della cessione delle quote della società (e quindi con effetto di sostanziale bocciatura della propista di Giunta) hanno votato sì Forza Italia, Fratelli d’Italia, I love Terni e M5s, oltre a Valdimiro Orsini (Pd), Valeria Masiello (Pd), Sandro Piermatti (Mdp) e Faliero Chiappini (Città aperta). Contrari: Jonathan Monti (Pd), Alessandra Pantella (Pd), il sindaco e il presidente Giuseppe Mascio; Astenuti tutti gli altri.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere