CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Comune Terni, nuovo colpo di scena sul predissesto: ora il Viminale accelera e chiede chiarimenti alla Giunta

EVIDENZA Terni Politica Extra

Comune Terni, nuovo colpo di scena sul predissesto: ora il Viminale accelera e chiede chiarimenti alla Giunta

Andrea Giuli
Condividi

Il cortili interno di Palazzo Spada

TERNI – Tempi più stretti del previsto (molto più stretti, a quanto pare) per capire se il piano di riequilibrio pluriennale del Comune di Terni per arginare lo stato di predissesto economico di palazzo Spada, potrà avere o meno i favori del ministero degli Interni e della Corte dei conti.

‘Stretta’ del Ministero Lasciando un po’ sorpresi gli stessi membri di Giunta comunale, infatti, nelle ore scorse è pervenuta all’amministrazione municipale una formale richiesta degli uffici deputati del Viminale in cui si chiedono a palazzo Spada non meglio precisati (nel senso che il contenuto preciso di tale richiesta non è ancora noto) chiarimenti e integrazioni rispetto al piano di riequilibrio presentato e inoltrato. Sembra che il ministero abbia richiesto l’invio del Dup – il fondamentale documento unico di programmazione che, di solito, ha tempi un poco più lunghi – e del bilancio preventivo 2017 dell’ente. La commissione ministeriale che deve esaminare la bontà del piano comunale, infatti, si riunirà il prossimo 31 gennaio, spiazzando un po’ tutti in termini temporali. E a palazzo Spada (dove pensavano di poter arrivare magari a maggio con la procedura) non escludono che si possa trattare già di una riunione decisiva, o quasi, per quanto riguarda le competenze ministeriali.

IL PIANO DI RIEQUILIBRIO, I TEMPI DI LEGGE, LE POLEMICHE

Segnale da interpretare Come leggere l’accelerazione e le richieste del Viminale – se in senso positivo o, viceversa, negativo, in relazione ad eventuali lacune od opacità del piano stesso – in questo momento è ancora da capire. Sta di fatto che il consiglio comunale del 23 gennaio dovrà occuparsi del Dup, del bilancio preventivo (anch’esso atteso più avanti) e di altro, previe decisioni della giunta e delle commissioni competenti. Dunque, il tempo disponibile è poco assai. Un’accelerazione – comunque la si interpreti – che potrebbe anche creare qualche problema all’amministrazione di palazzo Spada, anche in termini più complessivamente politici.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere