CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Colussi, dopo mesi di tensione e scioperi viene firmato l’accordo tra azienda e sindacati

EVIDENZA Assisi

Colussi, dopo mesi di tensione e scioperi viene firmato l’accordo tra azienda e sindacati

Redazione economia
Condividi
Un operaio dela Colussi
Il ciclo produttivo a nastro dei biscotti che andranno in in scatola Gentilini nella zona del capannone dove ci sono le macchine 12novebre2010 ANSA/FABIO CAMPANA

ASSISI – Nella tarda serata di martedì, dopo mesi di trattative interrottesi bruscamente a ridosso delle festività natalizie del 2019 e riprese nei giorni scorsi, le organizzazioni sindacali di categoria Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil ed Rsu dello stabilimento Colussi di Petrignano di Assisi hanno sottoscritto l’accordo con la Colussi Group. “Un risultato importante anche per il territorio umbro – ha commentato il segretario generale della Uila Umbria Daniele Marcaccioli – che porta sulle tasche dei lavoratori soldi freschi e da subito e che consolida lo stabilimento come punto di riferimento per le strategie dell’intero gruppo. Questo accordo, frutto di nuove relazioni sindacali, restituisce alle lavoratrici e ai lavoratori della Colussi il giusto riconoscimento sia in termini economici che di bilanciamento fra vita privata e lavoro”.

L’intesa L’intesa prevede una nuova turnazione che fornisce una certezza in ottica plurisettimanale, un aumento della paga oraria del 37 per cento sul turno notturno e del 50 per cento sul lavoro domenicale, e un premio economico di 800 euro in busta paga. “Considerando il taglio del cuneo fiscale a partire da luglio – ha proseguito Marcaccioli – e se le trattative per il rinnovo del Ccnl dell’industria alimentare in corso in questi giorni in Federalimentare a Roma avessero esito positivo, l’anno 2020 potrebbe portare un aumento economico complessivo molto interessante per i lavoratori dello stabilimento di Petrignano”. “Le intese raggiunte anche sulle nuove turnazioni – ha ribadito il segretario sindacale –, se affiancate da un rapporto di gestione quotidiana fra azienda, Rsu e lavoratori stessi, saranno propedeutiche a ristabilire quell’equilibrio lavorativo che passa dalla gestione delle risorse umane alla gestione umana delle risorse”. L’approvazione dell’accordo verrà votato in assemblea il 17 febbraio.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere