CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Città di Castello, l’autopsia conferma: il giovane trovato nel Tevere è morto per annegamento

Cronaca e Attualità Alta Umbria

Città di Castello, l’autopsia conferma: il giovane trovato nel Tevere è morto per annegamento

Redazione
Condividi

Le ricerche dei vigili del fuoco lungo le sponde del Tevere

CITTA’ DI CASTELLO – E’ stata eseguita dal medico Massimo Lancia l’autopsia sul giovane 21enne di origine albanese trovato morto sulle sponde del Tevere, in località Garavelle, nei giorni scorsi. Gli accertamenti medici hanno confermato la prima ricostruzione degli inquirenti: la morte del ragazzo è avvenuta per annegamento nelle acque del fiume dove lui, insieme al suo complice, si erano gettati per sfuggire all’inseguimento delle forze dell’ordine dopo un furto in città. A dare l’allarme era stato nelle ore successive erano stati i familiari e l’altro giovane, un 19enne di origine marocchina, che non aveva più ricevuto notizie dell’amico.

Ora la famiglia attende il nulla osta della magistratura per la riconsegna della salma e lo svolgimento dei funerali nel paese di origine del ragazzo, che da alcuni anni viveva in Altotevere.