martedì 28 Giugno 2022 - 21:06
28.8 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Città di Castello, genitori gli ‘spengono’ il PC e lui inveisce: gli agenti intervengono a riportare la calma

Dall'incontro con i poliziotti e dalla chiacchierata che ne è seguita, il giovane ha fatto un 'patto' con i nuovi amici poliziotti

CITTA’ DI CASTELLO – Gli agenti della Polizia, a seguito di segnalazione pervenuta alla Sala Operativa della Questura, sono intervenuti presso un’abitazione del Tifernate a seguito di una discussione familiare. La richiesta d’intervento è stata fatta dai genitori in difficoltà con il proprio figlio il quale, oltre a non assecondare le continue raccomandazioni e istruzioni sul corretto uso del computer, aveva assunto un atteggiamento ostativo e irascibile nei loro confronti.

Comportamento rispettoso

Gli atteggiamenti scontrosi verso i genitori sono degenerati quando, al loro diniego sull’uso del computer, il ragazzo è andato in escandescenza, in preda a una crisi isterica. A quel punto, i genitori hanno richiesto l’intervento degli agenti. L’aiuto non si è fatto attendere e gli agenti, una volta giunti sul posto, si sono intrattenuti con il giovane che, come riferito dai genitori, si era già tranquillizzato perchè intimorito dalla chiamata fatta alla Polizia di Stato. Dall’incontro con gli agenti e dalla chiacchierata che ne è seguita, il giovane ha garantito non solo che metterà in pratica un comportamento rispettoso e collaborativo con il padre e la madre ma che rispetterà i limiti imposti dai genitori per l’uso del computer.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]