CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Città della Pieve, il centrosinistra chiude il ‘balletto’ e candida Fabbrizzi

Politica Trasimeno

Città della Pieve, il centrosinistra chiude il ‘balletto’ e candida Fabbrizzi

Redazione politica
Condividi

Città della Pieve
CITTA’ DELLA PIEVE – Alla fine, ancora una volta con un post, il sindaco uscente Fausto Scricciolo sciogli tutti i dubbi sulla sua possibile candidatura e decide che la partita è chiusa: lui non si ricandida  anche perché in questi anni ha dovuto scontare “le ruggini delle primarie di cinque anni fa, le lotte intestine e tante altre colpe che prima o poi mi/ci verranno spiegate”. Partita chiusa e forse anche le polemiche interne. Forse. Perché nel fortino rosso della Pieve mai nulla può essere dato per scontato. Ma se Scricciolo saluta immediatamente il centrosinistra coglie la palla al balzo per candidare a sindaco di Simona Fabbrizzi, 45 anni, segretario provinciale di Sinistra italiana, origini pievesi e funzionaria dell’Agenzia regionale per la forestazione.

 

Ambizioso “L’Unione comunale – spiegano dal Pd – al fine di dare seguito all’ambizioso progetto di elaborazione di una lista civica di riferimento della sinistra democratica pievese, ha accettato la disponibilità di Simona Fabbrizzi”. Avanti tutta, insomma, con la giovane Fabbrizzi che potrebbe mettere fine alle liti interne. Per arrivare a questo risultato servirà anche l’impegno di Michele Croce, 40 anni del Pd, vicino al mondo cattolico e a quello dei Terzieri. Lui, infatti, è stato indicato come il numero due. Si vedrà. L’autolesionismo è sempre dietro l’angolo.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere