CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Cisl Umbria, Manzotti: “Formazione e nuovi approcci al lavoro per la ripartenza”

Economia ed Imprese Regione

Cisl Umbria, Manzotti: “Formazione e nuovi approcci al lavoro per la ripartenza”

Redazione economia
Condividi

PERUGIA – “L’occupazione è in crollo e il ricorso agli ammortizzatori sociali è preoccupante. Se da una parte questo mette in luce parte delle conseguenze di questi mesi caratterizzati dal Covid-19, dall’altra evidenzia come i problemi strutturali del sistema economico permangano”.

Il segretario generale regionale Cisl Umbria Angelo Manzotti punta il dito sui dati regionali delle integrazioni salariali Covid-19, ma non solo e invita al confronto le istituzioni, sindacati, parte datoriale e università. La parola chiave di questo momento è formazione: per la Cisl Umbria gli ammortizzatori sociali sono necessari nell’immediatezza del momento ma il lavoratore, prima di tutto persona, quando espulso dal mercato del lavoro deve trovare una nuova collocazione, anche attraverso le politiche attive del lavoro. “Il lavoro infatti – prosegue il sindacalista- è dignità e identità e solo attraverso la formazione questo processo è possibile. Il Governo a breve darà attuazione al Fondo per le nuove competenze e la Cisl Umbria vede positivamente questa scelta che, se ben utilizzata, potrebbe essere un’opportunità importante per il lavoratore e per tutto il mercato del lavoro oltre che per un cambio di consapevolezza per la collettività. Questo in un mercato del lavoro, dove la formazione non sempre è portata avanti come chiave strategica di risposta alle nuove sfide, rimanendo ancorata anche quest’anno a uno dei dati più bassi a livello europeo: solo l’8 per cento dei lavoratori italiani è inserito in un percorso formativo.

Situazione salariale difficile. Secondo Manzotti, la fotografia dell’Umbria e del fondo integrazione salariale alla fine di ottobre parla chiaro: “Questa si va ad aggiungere a una situazione pregressa – ad affermarlo è Manzotti -, dall’inizio dell’anno i beneficiari  del fondo integrazione salariale in Umbria (fonte Inps Umbria) sono stati di 74.919 unità (nella provincia di Perugia 59.824 mentre in quella di Terni 15.095), una situazione più gravosa per le donne che per gli uomini (rispettivamente  40.379 e 34.540). Questo spaccato però – precisa il sindacalista- si deve considerare alla luce di altri dati. In Umbria infatti i beneficiari della cassa integrazione ordinaria si attestano a 138.401 (in questo caso i maschi sono 105.851) e quelli dell’ammortizzatore in deroga 54.183 (dei quali la maggioranza donne: 33.748). La drammaticità del momento che si aggiunge ad altre difficoltà già esistenti in un modello che proprio adesso deve essere rivisto grazie al contributo di istituzioni, ma anche di rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro e dell’università”.

Cambio di rotta. La Cisl parla della necessità di uno sviluppo sostenibile da un punto di vista ambientale e sociale ma anche della necessità di digitalizzazione per tutta l’area regionale ed il superamento dei problemi infrastrutturali. Soprattutto, per il sindacato, serve  un cambio culturale, un nuovo approccio al lavoro. “In questo momento la parola chiave non può che essere formazione – conclude Manzotti-. In tal senso si pone come opportunità interessante il fondo delle nuove competenze, che deve essere utilizzato in sinergia e sintonia con i fondi interprofessionali. Presto sarà possibile accedere a questo fondo che è importante oltre che per le sue finalità anche perché valorizza come strumenti strategici la concertazione e la bilateralità, ponendo un primo importante tassello per una nuovo modo di concepire le politiche attive del lavoro”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere