CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Cisl Terni, Manzotti è il nuovo coordinatore dell’area ternana e orvietana

Economia ed Imprese Terni Politica Narni Orvieto Amelia

Cisl Terni, Manzotti è il nuovo coordinatore dell’area ternana e orvietana

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Angelo Manzotti è il nuovo coordinatore Cisl dell’area territoriali di Terni e Orvieto. La nomina è arrivata mercoledi nel corso di una riunione presso il Clt ternano, primo di quattro incontri a livello regionale in un’ottica di riorganizzazione della Cisl Umbria, con lo scopo di portare avanti una sempre più diretta ed efficace azione a favore degli iscritti, dei lavoratori e dei pensionati.

Manzotti “In una fase così difficile e acuta della crisi serve uno sforzo straordinario comune – ha precisato il neoeletto coordinatore – attuando la politica della concertazione tramite un patto tra imprese, istituzioni e sindacato: insieme possiamo rilanciare dal punto di vista economico-produttivo questo territorio. Tutto questo partendo dall’Area di crisi complessa che è uno dei principali strumenti a disposizione del territorio ternano”. In primo piano (Manzotti ha anche accennato alle problematiche dell’Orvietano), pure il settore pubblico. “Guardiamo con favore all’apertura del tavolo della trattativa dell’azienda ospedaliera di Terni – ha aggiunto Manzotti -, dopo un lungo periodo di azioni sindacali per riaprire un negoziato che si era arenato non per nostra volontà”. L’intervento del coordinatore ha messo in risalto anche la vertenza delle farmacie comunali, vicenda ancora aperta e alla quale “guardiamo con preoccupazione rispetto al percorso di privatizzazione ormai avviato”.

Sbarra “La costituzione dell’area sindacale territoriale di Terni-Orvieto arriva in un momento particolare per questo comprensorio – ha spiegato il segretario regionale cislino, Sbarra all’assemblea – alle prese con una crisi strutturale che non ha risparmiato nessuno, a partire dalle multinazionali fino ad arrivare alle aziende artigianali e passando per il mondo della cooperazione. E poi, in questo territorio dobbiamo invertire la tendenza al lamento, servono azioni positive. E da questo punto di vista, le indiscrezioni che arrivano da Roma rispetto al numero di adesioni alla Call di Invitalia per l’Area di crisi complessa testimonia la vitalità e la speranza delle imprese non solo ternane. Speriamo che ci siano proposte di progetti che possano dare uno slancio al comprensorio”. Sbarra ha poi toccato il tema della crisi nella cooperazione sociale (perdita di appalti e di livelli occupazionali) e nello stesso territorio ternano, citando a titolo esemplificativo il caso delicato di TerniEnergia, per non parlare delle incertezze che gravano si Ast.

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere