CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Chiude con un bilancio più che positivo la prima edizione di “Umbrò summer fest”

Cultura e Spettacolo Varie Foligno Spoleto Trasimeno Extra Città

Chiude con un bilancio più che positivo la prima edizione di “Umbrò summer fest”

Redazione cultura
Condividi

PERUGIA – Si è conclusa a Villa Fabri a Trevi con il concerto per piano solo di Sergio Cammariere la prima edizione della rassegna Umbrò summer fest con un connubio di magia delle note del cantautore e incanto del paesaggio umbro. Un concerto sold out durante cui il pubblico (più di cinquecento le persone presenti) ha avuto anche occasione di riscoprire una delle terrazze più esclusive della regione, con la sua vista mozzafiato sulla campagna circostante, incastonata nella cinquecentesca villa che domina la vallata sotto Trevi.

Una conclusione che si inserisce perfettamente nella prospettiva dell’intera rassegna ‘Umbrò Summer Fest’ alla sua prima edizione: l’eccellenza della musica d’autore, tra il cantautorato e il jazz, che si sposa con le perle paesaggistiche e artistiche della nostra regione. Il cartellone di concerti estivi targato Arci Perugia – Umbrò, con il patrocinio di Umbria Jazz, ha quindi fatto subito centro grazie a live andati in scena dal 4 agosto al 7 settembre in location uniche come la Rocca dell’Isola Polvese, le Torri di Properzio a Spello e Villa Fabri a Trevi. Ed il pubblico è rimasto ogni volta affascinato dai luoghi e dalla musica proposta dagli artisti ospiti: Avion Travel, UmbriaEnsemble, Danilo Rea, e per ultimo Sergio Cammariere. Il debutto con gli Avion Travel del 4 agosto, in un gradito ritorno in Umbria dopo quindici anni con un repertorio di inediti, ha presentato la Rocca di Isola Polvese nella nuova veste di teatro all’aperto; uno scenario inatteso che il pubblico umbro ha saputo apprezzare anche nel concerto per piano solo di Danilo Rea (24 agosto), un toccante diario in musica delle cover più note eseguite dal pianista, che non ha mancato di menzionare la ricorrenza dei due anni dal terremoto nel centro Italia, in un sentito abbraccio all’Umbria. Suggestiva incursione poi nella Valle umbra sud il 19 agosto, con lo speciale progetto di UmbriaEnsemble ‘Heaven’: sullo sfondo delle Torri di Properzio, illuminati da un tramonto unico, gli oltre 400 spettatori hanno assistito a una rilettura in chiave cameristica di brani di David Byrne, Robert Wyatt, R.E.M. e molti altri, da un’idea originariamente concepita dall’ensemble con Sergio Piazzoli. Ed infine Cammariere che, con il maestoso ninfeo di Villa Fabri a Trevi quale palcoscenico d’eccezione, ha regalato al pubblico i suoi classici più amati, non risparmiandosi neanche nelle vesti di entertainer spigliato e affabile.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere