CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Castiglione, passaggio della campana per i Lions Club Perugia Centenario

Perugia Cultura e Spettacolo Varie Extra Città

Castiglione, passaggio della campana per i Lions Club Perugia Centenario

Redazione
Condividi

CASTIGLIONE DELLA VALLE – Si è svolta ieri (1 luglio) a Castello Monticelli a Castiglione della Valle la cerimonia del “passaggio della campana”, cambio di ruolo all’interno del Lions Club Perugia Centenario, che ha visto il presidente uscente Francesco Tei consegnare al neo presidente Riccardo Spadolini la tradizionale campana e il relativo martello, strumenti che scandiscono durante l’anno i momenti significativi della vita del club. Il passaggio della campana, ha evidenziato Tei “è per i Lions simbolo di continuità delle attività precedenti” proseguo nello sviluppo di linee già segnate, momento di rinsaldo e fortificazione dello “spirito di amicizia che lega gli appartenenti”. Il presidente uscente ha poi tracciato un bilancio dell’attività svolta nel corso del proprio anno sociale, accompagnato da immagini dei vari service elencati. Un’attività intensa che ha dato al club grande “notorietà e visibilità”. Il ringraziamento è andato a tutti i soci per l’impegno nelle attività distrettuali e per il numero di servizi svolti nel territorio, ma un grazie speciale è stato rivolto a tutti quei lions club che hanno raccolto l’invito a collaborare per poter raggiungere inseme obiettivi importanti. Tra questi: il service a favore del reparto di oncoematologia pediatrica ospedale s maria della misericordia di Perugia, raccolta fondi a supporto – evento di Patch Adams (che ha permesso di poter acquistare due maxischermo e pc); “Un bacio per Perugia” progetto rivolto alle infrastrutture locali, con la donazione di telecamere di sicurezza per rendere più sicura la zona di Piazza del Bacio (che ha visto in piazza il concerto di Francesco Baccini); il service per l’abbattimento delle barriere architettoniche con l’adeguamento del settore disabili allo Stadio Renato Curi; la partecipazione al tema di studio nazionale per la promozione alle vaccinazioni e al convegno “sviluppo dell associazionismo familiare femminile”, oltre che al service distrettuale “il sottomarino” con la raccolta fondi per l’ospedale pediatrico Gemelli di Roma; non ultimi, alcuni progetti attuati a in autonomia per attività scolastiche. “Questo il nostro we serve – conclude Francesco Tei – azioni concrete e tangibili su una solida base di altissimi principi morali e sociali”. Dopo solo un anno e mezzo sono trentanove i soci totali del club, dei quali cinque nuovi entrati presentati durante il 2018, due durante la serata. Spadolini ha descritto in breve il programma per il nuovo anno sociale, già iniziato con l’evento alla Domus Volumnia che ha visto una raccolta fondi con cena di solidarietà a favore della prevenzione alle dipendenze (a favore dell’associazione di San Patrignano). Il programma 2018/19 sarà approfondito nei dettagli alla prossima assemblea.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere