CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Castel Giorgio, Nevi (FI): “La Giunta chieda conto al Mise sul geotermico”

Politica Narni Orvieto Amelia Extra

Castel Giorgio, Nevi (FI): “La Giunta chieda conto al Mise sul geotermico”

Redazione
Condividi

Raffaele Nevi

PERUGIA – Durante la seduta odierna dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, nella sessione dedicata al question time, il capogruppo regionale di Forza Italia, Raffaele Nevi, ha presentato un’interrogazione a risposta immediata all’Esecutivo di Palazzo Donini per chiedere che la “Giunta prenda una decisione sull’impianto geotermico di Castel Giorgio”.

Illustrando l’atto Nevi ha ricordato che “il Ministero dello sviluppo economico il 21 ottobre ha inviato una richiesta ufficiale di intesa alla Regione Umbria, relativamente all’impianto geotermico di Castel Giorgio. Nel documento si fa riferimento al fatto che il Ministero ritiene conclusa l’istruttoria e auspica un riscontro urgente da parte della Regione Umbria in considerazione, dice sempre il Mise, della natura strategica degli impianti geotermici come quello che si vuole realizzare a Castel Giorgio. Non risulta che a tutt’oggi la Regione abbia dato cenni di riscontro, sia positivi che negativi. Spero che la Giunta prenda una decisione definitivamente e nell’interesse della popolazione e della stessa azienda”.

L’assessore Cecchini ha ricordato che “la Giunta ha richiesto un incontro al Ministero dello Sviluppo economico per valutare la situazione sull’impianto di Castel Giorgio e per riportare l’espressione delle volontà della Giunta e dell’Assemblea legislativa prima di arrivare ad ulteriori decisioni. Successivamente sarà mia cura coinvolgere di nuovo questa Aula nella parte finale di questo percorso. D’altronde nel territorio si riscontra una contrarietà a tale intervento e gli eventi sismici probabilmente hanno influito ancora di più nell’immaginario collettivo e nella sensibilità dei cittadini. Ricordo che questo tipo di impianto è considerato, a livello nazionale ed europeo, tra quelli più puliti e compatibili in termini di contributo alla produzione di energia e di calore. Ma tutti conosciamo il dibattito del territorio”.

Nella sua replica Nevi si è detto insoddisfatto della risposta perché “la Giunta, trovandosi di fronte ad una patata bollente, butta la palla in tribuna. Volete far passare il tempo confidando nell’approvazione del referendum, visto che in caso di approvazione della riforma questa materia diventa di competenza statale. L’Umbria ha bisogno di decisioni e non di rinvii”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere