giovedì 18 Agosto 2022 - 12:44
20.8 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Cantamaggio 2022 nel segno della rinascita con festa popolare, carri ed omaggio alla Carrà

Presentato ufficialmente il programma della manifestazione che torna in presenza e prende il via il 30 aprile. Saranno 6 i carri allegorici al via

TERNI – La festa della città ritorna, dopo due anni a scartamento ridotto causa Covid. Pazienza se la sfilata dei carri allegorici per una volta sarà il 21 Maggio, quando le restrizioni saranno molto allentate. Il Cantamaggio sarà comunque un mese di eventi, presentati in conferenza stampa dal presidente Maurizio Castellani, dal vice presidente Diego Persichetti, e dagli assessori Maurizio Cecconelli e Stefano Fatale, quest’ultimo in rappresentanza del sindaco assente per impegni istituzionali.

Il programma

Taglio del nastro il 30 aprile alle 17 con “Maggiaioli non si nasce… si diventa”, sfilata dei mini-carri realizzati dalle scuole dell’infanzia di Terni che sfileranno per le vie del centro attraversando: largo Villa Glori, corso Tacito, piazza della Repubblica e piazza Europa. La sfilata verrà accompagnata da “Les Spartanes”, gruppi musicali e folk. Alle 18. 30 tutti in piazza Europa con l’inaugurazione dell’albero del maggio che si potrà ammirare fino al 23 maggio. Seguirà alle 21.30 in piazza della Repubblica lo spettacolo multisensoriale sulla grande ruota panoramica, scritto e diretto da Stefano de Majo con le coreografie delle New Lady Spartanes.

Martedì 3 maggio dalle 10 alle 18 alla Bct di Terni spazio Tempus vitae e la mostra fotografica dal titolo “In quel di Maggio” tratta dall’archivio di Enrico Valentini che verrà allestita alla chiostrina della Bct e sarà visitabile fino al 10 maggio. L’istituto tecnico economico e professionale per i servizi Casagrande-Cesi di Terni presenterà “I fiori del Maggio”, mentre il Garden Club le composizioni di maggio. A chiudere la giornata ci penserà l’istituto Leonino con i suoi studenti che canteranno alcune canzoni.

Proprio le mostre fotografiche saranno fra le novità forti di questa edizione. Ce ne saranno ben due: la seconda, a cura di Alberto Mirimao al PalaSì il 13 maggio, alle 17 il Palasi:  “Fili colorati del Cantamaggio, ovvero origini e tradizioni della festa ternana di primavera. Il giorno prima alle 21 palazzo Gazzoli ospiterà l’omaggio a Corrado Fedrighi, storico paroliere e poeta dialettale.

Sarà poi piazza Europa il 14 maggio alle 21.30 che farà da location ad uno spettacolo folk.

Si continuerà il 16 maggio alle 17.30 alla Bct di Terni dove si terrà il concorso di poesie in dialetto Alighiero Maurizi. Sarà, invece, il teatro Secci giovedì 19 maggio ad ospitare il X concorso canzoni maggiaiole “Giuseppe Capiato”. Il 21 maggio la sfilata dei carri allegorici, con premiazione il  pomeriggio 22. La sera ci sarà invece un tributo a Raffaella Carrà a cura di artisti e ballerini che hanno lavorato con la soubrette scomparsa lo scorso anno.

Gran finale del Cantamaggio ternano venerdì 27 maggio alle 10.30 alla Bct di Terni con “Il libro parlante” che illustrerà ai presenti come si costruisce un carro di maggio. All’incontro parteciperanno: Ipsia, Talamonti, Bianconi, Baccarelli. Il tutto si chiuderà con la donazione alla Bct dell’archivio di Corrado Fedrighi da parte di Pellicanò.

Guarda l’intervista con Maurizio Castellani

I carri allegorici

Saranno 6 i carri allegorici, oltre a quelli fuori concorso ed i minicarri dei bambini: a concorrere saranno Innamorati del Cantamaggio, Lu Riacciu, San Giovanni, Polymer-Pallotta-Sabbione, Arrone e un carro a cura  degli studenti di di Ipsia-Itis e Angeloni. percorso si snoderà lungo via Mazzini, piazza Tacito, piazza della Repubblica e piazza Europa.

Le dichiarazioni

Maurizio Cecconelli, assessore alla cultura ha sottolineato come “Spesso i ternani guardano con snobismo questa festa considerata di secondo piano ed invece racconta la nostra storia”. Gli fa eco l’assessore Fatale che si augura che “per il 21 maggio si possa finalmente riportare in città la gente per viverla con serenità”.

“Abbiamo deciso di fare le cose in grande e di creare un cartellone di eventi per festeggiare la 126esima edizione del Cantamaggio – spiega il presidente dell’Ente Cantamaggio – Abbiamo lavorato in sinergia con le scuole e anche con l’assessorato alla cultura per offrire un cartellone degno della manifestazione ternana e soprattutto per regalare ai ternani una grande festa. La sfilata del 21 maggio sarà sicuramente il clou dell’evento e vedremo i carri allegorici, sfilare dopo due anni per le vie del centro. Mi auguro che nella prossima edizione riusciamo a coinvolgere anche altri soggetti perchè il Cantamaggio ternano deve uscire dal confine umbro e farsi conoscere anche in altre realtà italiane.

 

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]