CARICAMENTO

Scrivi per cercare

A Terni calci e pugni a disabile per rubargli il suo portafogli

Cronaca e Attualità Terni

A Terni calci e pugni a disabile per rubargli il suo portafogli

Redazione
Condividi
Le immagini della rapina
Le immagini della rapina
TERNI – Calci e pugni ad un disabile per impossessarsi del suo portafoglio: sono i contorni di una rapina contestata dai carabinieri di Terni ad una italiana di 20 anni e ad un tunisino di 42, arrestati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip. L’uomo è stato rinchiuso in carcere, mentre la giovane si trova ai domiciliari, in quanto madre di una bimba piccola. L’episodio è avvenuto nel pomeriggio del 4 dicembre nell’androne del palazzo della vittima della violenza, sofferente di una patologia che non gli consente di deambulare e parlare perfettamente.

A terra Quando l’uomo, di mezza età, appoggiandosi con fatica ad un carrellino, è sceso dalla sua abitazione per gettare la spazzatura, poco prima di rincasare è stato colto alle spalle dai due che, approfittando della sua condizione, lo hanno gettato a terra. Dopo avergli chiuso la bocca con una mano, la coppia – sempre secondo l’accusa – lo ha colpito con calci e pugni, riuscendo infine a sfilargli il portafoglio dalla tasca, contenente documenti, il bancomat e 160 euro. I due sono poi fuggiti per le vie circostanti, facendo perdere le proprie tracce.

Indagini Le indagini inizialmente non si sono rivelate semplici, visto che l’uomo è apparso subito molto scosso, ma determinante è stato poi l’impianto di videosorveglianza del palazzo. Dalle immagini raccolte dalle telecamere, l’Arma è infatti riuscita ad identificare “senza alcun dubbio”, da alcuni particolari dell’abbigliamento, sia la giovane, risultata già nota per altri fatti legati al mondo degli stupefacenti, sia il tunisino.