CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Caccia, giornata speciale per i cacciatori: oggi saranno impegnati nella preapertura

Cronaca e Attualità

Caccia, giornata speciale per i cacciatori: oggi saranno impegnati nella preapertura

Redazione
Condividi

Al via la stagione venatoria 2016-2017

PERUGIA – Giorno speciale per i cacciatori umbri. Oggi, primo settembre, saranno impegnati nella prima giornata di preapertura della stagione venatoria. Come riportato nel calendario ufficiale stilato dalla Giunta regionale chi va a caccia avrà a disposizione anche altri due giorni: domenica 3 e domenica 11, dalle 6,15 alle 13. La vera apertura è fissata per il giorno 18 settembre, che cade sempre di domenica.

Clicca per il calendario della stagione venatoria

Nel rivolgere il suo saluto e il tradizionale “in bocca al lupo” a tutti i cacciatori, l’assessore Cecchini sottolinea come “certi delle nostre decisioni, prese nel rispetto delle regole, nel calendario abbiamo riconfermato i tempi di prelievo della precedente stagione, con una preapertura in tre giornate e l’avvio generale alla terza domenica”.  Novità per la caccia di selezione: “Poiché quest’anno è iniziata con una settimana di ritardo – rileva – sono state aggiunte due mezze giornate integrative: nelle due domeniche del 4 e dell’11, in cui si chiude alle 13 per quanto riguarda la preapertura, la caccia di selezione potrà essere esercitata dalle ore 15 in poi”. “Abbiamo proseguito con il metodo di lavoro che ci siamo dati fin dall’inizio e che è stato vincente: la partecipazione e il dibattito che hanno accompagnato la fase di redazione del Calendario venatorio – dice l’assessore – ha portato ad una programmazione del prelievo che ha ricevuto ampio consenso da parte del mondo venatorio umbro, in particolare in merito alle scelte dell’Assessorato di riproporre i periodi di prelievo come negli anni precedenti. Una posizione che è stata ribadita nonostante gli interventi limitativi del Governo che ha imposto nelle passate stagioni la chiusura anticipata del prelievo di tordo bottaccio, beccaccia e cesena. Siamo convinti infatti della validità di quanto abbiamo stabilito sulla base della normativa regionale, nazionale e comunitaria e dei dati scientifici in nostro possesso”. “Le opportunità di prelievo previste nel calendario – prosegue l’assessore – consentono ai cacciatori umbri di avere una elevata potenzialità di fruizione della selvaggina presente sul territorio regionale, uno dei meglio conservati da un punto di vista ambientale e naturalistico. È indubbio – afferma – che comunque si deve proseguire sulla strada di una gestione sempre più attenta, basata sui monitoraggi degli habitat e delle popolazioni faunistiche che la Regione Umbria sta conducendo da diversi anni con l’Osservatorio faunistico”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere