mercoledì 8 Febbraio 2023 - 02:09
19.7 C
Rome

Benzina e gasolio, ora sui rincari adesso indaga la Procura di Perugia

In un esposto Codacons ipotizza i reati di truffa e aggiotaggio parlando di prezzi ingiustificati e speculazioni

PERUGIA – Accertamenti “preliminari” sull’aumento del costo dei carburanti sono stati disposti dalla Procura della Repubblica di Perugia, guidata da Raffaele Cantone, dopo l’esposto presentato dal Codacons. Il fascicolo è stato aperto senza né ipotesi di reato né indagati. Le verifiche sono state delegate al nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza del capoluogo umbro. Questo – spiega la Procura in un comunicato – “per accertare quanto rappresentato” dall’associazione dei consumatori e “conseguentemente verificare se nei fatti denunciati possano configurarsi specifiche ipotesi di reato”. Il Codacons si è rivolto a numerosi Uffici giudiziari per segnalare gli aumenti dei prezzi dei carburanti al dettaglio ritenuti “ingiustificati e frutto di manovre speculative”.

Parti offese

“Ora i cittadini residenti a Perugia potranno costituirsi parte offesa nella indagine della Procura e chiedere un risarcimento danni nel caso in cui la magistratura dovesse accertare illeciti – spiega il presidente Carlo Rienzi – In tal senso nei prossimi giorni sarà disponibile sul sito del Codacons una apposita pagina dove scaricare i moduli utili”.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]