CARICAMENTO

Scrivi per cercare

“Beat the street”, riparte da Terni la sfida dei camminatori

Cronaca e Attualità

“Beat the street”, riparte da Terni la sfida dei camminatori

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – La sfida dei camminatori riparte. Dalla mezzanotte di mercoledì ricomincia “Beat the street“, il grande progetto di salute e sostenibilità ambientale sviluppato dalla società Intelligent Health che ha già conquistato diverse città del mondo, da Londra alla “Grande mela”, a Sidney, a varie città d’Europa. Un progetto che mette al centro la riscoperta delle città attraverso brevi tour a piedi o in bicicletta e allo stesso tempo la cura della salute. L’Italia conosce ancora poco questa iniziativa. La primavera scorsa la cantante Francesca Michielin ha effettuato un tour promozionale di questo genere nel tragitto dall’Italia alla Svezia verso l’Eurovision Song Contest, partendo dalla sua Bassano del Grappa e toccando Vienna, Varsavia, Copenaghen, Berlino e Amburgo, prima di Stoccolma. La città di Terni invece, come l’anno scorso, sarà la sola città italiana protagonista della sfida ufficiale.

Stamattina l’evento è stato presentato in Comune dagli assessori Emilio Giacchetti e Carla Riccardi e dai coordinatori del progetto, con in testa la Fondazione Adi Onlus (AssociazioneItaliana di Dietetica e Nutrizione Clinica) del professor Giuseppe Fatati: “Beat the street non è soltanto un progetto di salute- spiega – ma anche di sostenibilità ecologica e del sistema sanitario. Il modo migliore per aiutarlo infatti è quello di ridurre l’incidenza di malattie cardiovascolari e in questo senso camminare aiuta. Beat the street è un modo per insegnare uno stile di vita attiva e quindi migliorare la vita”.

Le smart card di Beat the street

Le smart card di Beat the street

Gli obiettivi. “Beat the street” ha anche altri obiettivi. Uno più ludico: “L’anno scorso abbiamo percorso la distanza fra la terra e la luna – ha spiegato Emilio Giacchetti – quest’anno vogliamo arrivare a coprire 50000 chilometri in più, ovvero 402000 chilometri invece di 36500”. Un secondo invece molto più civico: “L’iniziativa consente di vivere la città- sottolinea il professor Rosati, del comitato promotore- Terni è una città provata da tante cose e poterla riscoprire in questo modo consente di viverla in maniera diversa. Inoltre è anche una occasione per vedere la città coi propri occhi, senza l’assillo del traffico, rendersi conto di quello che c’è di bello, ma anche nel caso anche di ciò che non va ed eventualmente segnalarlo”. Quando la distanza sarà raggiunta, la città riceverà un premio di  12000 dollari da destinare a un progetto di salute e pubblica utilità.

E poi come detto, la salute. E l’educazione alla salute: “In questo – spiega l’assessore Riccardi – speriamo di trovare la piena collaborazione delle scuole, alle quali sono state distribuite le tessere per partecipare per tutti gli alunni”.

Come funziona. La manifestazione si svolge a Terni ma è aperta a tutti gli italiani che si trovassero in città dal 21 settembre al 2 novembre. Basterà registrarsi sul sito ufficiale e ritirare la propria tessera alla Bct, all’ufficio turistico di via Cassian Bon oppure in Comune (oltrechè in alcuni negozi partner). La città è stata disseminata di sessanta lettori delle card, che registreranno i chilometri percorsi. Sono previsti riconoscimenti per le varie categorie di età (1500, 700, 300 euro in premi), sia per le squadre, che vanno anch’esse registrate sul sito (o scrivendo a team.terni@beatthestreet.me) e devono essere composte di almeno 25 persone. I negozi partner inoltre, sorteggeranno altri premi fra coloro che partecipano all’evento, identificati dal codice della tessera passata nei vari lettori sparsi nelle zone della città. Punto di riferimento per le informazioni è la pagina facebook “Muoviamo Terni“.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere