CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Basket femminile, l’under 20 di Orvieto non sbaglia e strappa il pass per le finali nazionali

Basket Sport Narni Orvieto Amelia Città

Basket femminile, l’under 20 di Orvieto non sbaglia e strappa il pass per le finali nazionali

Redazione sportiva
Condividi

Le ragazze dell'under 20 di Orvieto festeggiano l'accesso alle finali nazionali (foto Facebook: Azzurra Ceprini Orvieto)

PERUGIA – Obiettivo centrato. La squadra under 20 della Azzurra Ceprini ha portato a termine l’impresa e ha guadagnato il pass per le finali nazionali di categoria, che si terranno  a Roseto degli Abruzzi dal 14 al 16 aprile prossimi. Ad Anagni, le ragazze di coach Tringali hanno battuto per 61-40 il  San Salvatore Selargius con una prestazione di grande spessore. Il cammino trionfale della compagine umbra, iniziò con il successo contro Biassono (46-50). Il giorno successivo, le giovani cestiste rupestri batterono 63-36 le felsinee della Fortitudo Rosa. Mercoledì, l’accesso alla marcia verso lo scudetto under 20. “Un momento di grandissima gioia – dice coach Tringali – nonostante gli infortuni, nonostante i fisiologici alti e bassi il gruppo si è unito nel momento decisivo, ha mostrato grande maturità e hanno raggiunto un risultato storico in una partita difficile in cui ci giocavamo tutto. Le ragazze hanno mostrato grande carattere e compattezza. A loro va un grande ringraziamento per ciò che hanno fatto, che fanno e che faranno”. Anche coach Romano, capo allenatore dell’Azzurra Ceprini è raggianae : “Nonostante gli infortuni il gruppo non si è mai sfaldato: allo zoccolo duro formato Grilli, Falanga, Bortolotti e Presta sono stati aggiunti gli innesti importanti a livello tecnico e tattico di Egwoh,Bonaccini e Chiabotto, insieme alle più piccole che hanno messo il loro importante mattoncino per la vittoria finale. Anche se non hanno potuto partecipare al concentramento, durante l’anno è stato fondamentale per la crescita della squadra anche l’apporto delle infortunate Colantoni, Boni, Monaco e Armenti. Per la crescita delle ragazze è stato molto importante il lavoro con l’A2, come si è visto nei momenti di maggiore difficoltà”.