CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Aziende innovative, TerniEnergia aumenta il capitale e stringe accordi internazionali

Economia ed Imprese Extra

Aziende innovative, TerniEnergia aumenta il capitale e stringe accordi internazionali

Andrea Giuli
Condividi

Stefano Neri, ad e presidente di TerniEnergia

TERNI – L’assemblea straordinaria degli azionisti di TerniEnergia, si è riunita il 30 dicembre, con la presidenza dell’avvocato Stefano Neri.

Aumento di capitale L’assemblea ha deliberato all’unanimità l’aumento di capitale, in una o più soluzioni, a pagamento e in forma scindibile, con esclusione del diritto di opzione, per un ammontare massimo pari a 3.000.000 di azioni di nuova emissione, per un corrispondente importo pari al 6,80% dell’attuale capitale sociale, riservato a investitori qualificati italiani o esteri, con esclusione di Australia, Canada, Giappone e Stati Uniti. Il periodo di offerta partirà da una data che sarà fissata dal Coda al termine dell’attività di pre-marketing, comunque non precedente al 15 gennaio 2017 e si chiuderà al più tardi al 10 aprile 2017.
“L’operazione – si legge in una nota aziendale – si innesta nel percorso di crescita che TerniEnergia ha seguito ininterrottamente sin dalla sua costituzione, anche in conseguenza della recente acquisizione delle società Softeco Sismat e Selesoft Consulting e della presentazione del piano industriale “Plug in the smart energy company”, ed è  finalizzata a mettere la Società nelle condizioni patrimoniali e finanziarie ideali per accrescere la sua posizione nel nascente mercato delle Smart e Micro Grid; integrare nelle proprie linee di business attività strategiche di implementazione della digital transformation, con particolare riferimento allo sviluppo di soluzioni per il management delle reti elettriche e di sistemi “intelligenti” e “connessi”; accrescere la visibilità del titolo sul mercato, consentendo l’ingresso nella compagine azionaria di investitori qualificati o di soggetti industriali; cogliere tempestivamente le migliori condizioni che il mercato dovesse offrire. L’assemblea ha, inoltre, deliberato che, qualora l’aumento di capitale non fosse sottoscritto, entro il termine del 10 aprile 2017, il capitale stesso s’intenderà aumentato di un importo pari alle sottoscrizioni raccolte. Al Cda e al suo presidente, Stefano Neri, viene delegato, nei limiti sopra stabiliti dall’assemblea, il numero di azioni e il periodo dell’offerta, ogni potere per l’esecuzione dell’aumento di capitale entro i termini previsti”.

Nuova partnership Sempre nello stesso giorno, TerniEnergia ha sottoscritto un accordo di partnership con JuicePower, con sede a Londra, per lo sviluppo e la costruzione di impianti di generazione di energia rinnovabile e delle infrastrutture di gestione dell’energia, comprendenti centrali on-site e off-site e sistemi di stoccaggio energetico, e per supportare JuicePower nella gestione del suo portafoglio-clienti con sistemi intelligenti di gestione dell’energia. La collaborazione tra TerniEnergia e JuicePower partirà nelle prossime settimane con l’obiettivo di realizzare un progetto-pilota di isola energetica intelligente che includa impianti di generazione energetica (solare o ibrido), sistemi di storage, sistemi di back-up e stabilità (generatore elettrico), telecontrolli intelligenti, integrazione con i sistemi locali di controllo e connessione. Le soluzioni previste nell’ambito dell’accordo potranno contemplare impianti on-site di capacità compresa tra 1 e 5 MW e/o impianti off-site di potenza compresa tra 50 e 65 MW, in grado di fornire diversi clienti finali.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere