CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Attigliano, la notte è giovane con Gazebo Penguins, Le capre a sonagli e Zen Circus

Eventi Cultura e Spettacolo Narni Orvieto Amelia Extra

Attigliano, la notte è giovane con Gazebo Penguins, Le capre a sonagli e Zen Circus

Emanuele Lombardini
Condividi

ATTIGLIANO – Nel bel mezzo dei festeggiamenti per San Lorenzo, patrono della città, Attigliano si appresta a vivere uno degli appuntamenti più interessanti, vale a dire ‘San Lorenzo Giovani’, il festival di musica indie destinato al pubblico più giovane e che anche quest’anno, per tre sere promette grande spettacolo.

Il comitato dei festeggiamenti – composto da 20 attiglianesi fra i 25 e i 50 anni – che quest’anno è presieduto da Marco Cosimi, quest’anno offre tre spaccati assai diverso della musica giovane, tutti gratuiti e tutti dalle ore 22.30 all’area verde di via D’Annunzio.

Il programma Domani sera si esibiranno i Gazebo Penguins: emiliani di correggio, sono uno dei primi  gruppi del post-hardcore italiano, molto apprezzato da un pubblico di nicchia, meno noti al grande pubblico sebbene siano sulla scena da oltre 10 anni. Nel 2017 è uscito Nebbia, il loro quarto album, per l’etichetta indipendente umbertidese To Lose la track. Ad aprire lo show sarà il progetto indie folk romano Mòn, freschi del primo album Zama e che attualmsnte stanno girando l’Italia in tour. L’aftershow sarà invece il dj set del narnese CheckTS, al secolo Federico Ceccotti.

Mercoledì 9 sarà la volta del folk dei bergamaschi Le capre a sonagli, che hanno all’attivo già diversi riconoscimenti e una lunga serie di collaborazioni (99 Posse, Verdena, Marta sui Tubi). L’ultimo album Cannibale è prodotto da  Tommaso Colliva, che ha lavorato con Muse e  Damon Albarn, un lavoro stoner folk nel quale storie e tematiche differenti vengono collegate dallo sguardo obliquo che, ormai, è la cifra distintiva del gruppo: “Se la Morte viene trattata in maniera grottesca e non spaventevole, la Sfiga è una nonna che porta iella; un sacrificio umano diventa la scelta personale di una donna che si immola per la sua divinità; Icaro un folle a cui il Padre raccomanda di stare attento a non scottarsi”, dicono loro stessi dell’album. Il concerto sarà aperto da Giaggio, batterista e producer, che porta in giro la sua musica elettronica per l’Europa; mentre l’aftershow sarà un dj set a sorpresa, non ancora annunciato.

Per il gran finale del 10 agosto, notte di San Lorenzo, arriveranno invece Zen Circus, da 25 anni uno dei principali gruppi della scena indie rock italiana: nove album, un successo consolidato anche per via dei testi decisamente irriverenti, dove non mancano la denuncia sociale e le espressioni fuori dai denti. Andrea Appino e la sua band hanno saputo conquistarsi anche il successo della critica, che spesso e volentieri inserisce i loro dischi fra le migliori produzioni annuali di settore. Dj set finale di Roberto Rossi, residenti dj del Milka Club di Viterbo.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere