sabato 4 Febbraio 2023 - 10:19
-1.2 C
Rome
- Pubblicità -spot_img
spot_img

Ast, i sindacati sul piede di guerra: “Istituzioni ci convochino per conoscere piano industriale”

I sindacati confederali e di categoria dei metalmeccanici Cgil, Cisl, Uil, Fim, Fiom e Uilm chiamano in causa le istituzioni, protagoniste a loro dire di un silenzio colpevole sui piani industriali di Ast.

TERNI– I sindacati confederali e di categoria dei metalmeccanici Cgil, Cisl, Uil, Fim, Fiom e Uilm chiamano in causa le istituzioni, protagoniste a loro dire di un silenzio colpevole sui piani industriali di Ast.

“Veniamo a sapere – scrivono in una nota – he al tavolo tecnico sulle prospettive dell’area industriale ternana e in particolare di Arvedi Acciai Speciali Terni,  convocato a Roma il 19 gennaio 2023 presso il Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica, “ci sono stati impegni precisi e circostanziati da parte di tutti i soggetti e degli enti che hanno preso parte al tavolo, con l’obiettivo di arrivare alla definizione dell’Accordo di programma in tempi rapidi e consentire dunque lo sviluppo dei progetti industriali per l’area ternana. Quali sono? Abbiamo aspettato qualche giorno nel silenzio più assordante prima di scrivere per verificare se ad Azienda, Regione e Comune presenti al tavolo fosse venuto in mente di convocarci per mettere a conoscenza le Organizzazioni sindacali di quanto sta accadendo”.

Nessun confronto

“Come Organizzazioni sindacali – prosegue la nota – vogliamo ricordare che le istituzioni locali e regionali non hanno mai avuto un confronto sulle prospettive industriali del nostro territorio. Pur riconoscendo che la convocazione al tavolo tecnico non sia dovuta, abbiamo sempre ribadito che per opportunità sarebbe stata utile, o in alternativa, si sarebbe almeno potuto costruire un confronto preliminare con chi ha già da tempo svolto analisi e avanzato proposte per lo sviluppo sostenibile delle filiere industriali, che rimangono il pilastro portante dell’economia locale”.

Conoscere i progetti

La nota prosegue ancora: “Partendo dal presupposto che i finanziamenti del Pnrr hanno tra gli assi trasversali l’ambiente e l’energia e che ad oggi Arvedi Acciai Speciali Terni vuole avviare un graduale, ma deciso e quanto auspicato, processo di decarbonizzazione dell’attività siderurgica attraverso l’utilizzo dell’idrogeno verde, sarebbe utile conoscere gli impegni della Regione dell’Umbria in tal senso e se questi sono coerenti con le azioni e i progetti regionali già finanziati o in via di finanziamento dal Piano di Ripresa e Resilienza. L’idrogeno, come dichiarato da anni dalle Organizzazioni sindacali, potrebbe rappresentare un’ulteriore opportunità per l’area industriale di Terni e Narni con la rigenerazione della filiera del tubo marmitta che rischia di essere fuori mercato già nel 2035.

Allo stesso tempo le categorie dei metalmeccanici non hanno avuto modo di discutere il dettaglio del piano industriale di Arvedi Acciai Speciali Terni: siamo fermi, a quasi un anno dall’acquisizione della nuova proprietà, alle linee guida del 5 febbraio 2022.

Gli importanti investimenti dichiarati devono trovare applicazione reparto per reparto, impianto per impianto in termini di prodotti, processi, livelli occupazionali e riorganizzazione complessiva della fabbrica. Non sappiamo se la congiuntura economica e il tempo trascorso abbiano modificato i piani del gruppo Arvedi, né sappiamo quanto tempo ancora abbiamo per aver confermate le intenzioni annunciate. È la stessa messa in opera del piano industriale che avrà delle inevitabili ricadute sul territorio a partire dall’indotto e dalle aziende che sono parte integrante delle seconde lavorazioni”

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]