CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ast, Fim Cisl chiede certezze su ditte esterne. Riconoscimento amianto, plauso Lega

Economia ed Imprese Terni Extra EVIDENZA2

Ast, Fim Cisl chiede certezze su ditte esterne. Riconoscimento amianto, plauso Lega

Redazione economia
Condividi

TERNI – Situazione difficile in casa Ast relativa ai lavoratori delle ditte terze, cioè di quelle che operano in appalto all’interno dello stabilimento. In una nota, la segreteria della Fim Cisl si dice molto preoccupata: “La politica di Ast di proseguire i contratti con le aziende terze con proroghe di breve termine – scrive il segretario Simone Liti – colpisce sempre l’anello più debole del sistema che è quello dei lavoratori, questo genera continua incertezza, rischiando di creare carenze organizzative, mancanza di investimenti e manutenzioni di qualità generando la rischiosa perdita di professionalità nella girandola infinita che può generarsi.
Questa mancanza di chiarezza e programmazione a lungo termine crea un forte stato di precarietà, originando rapporti di lavoro con contratti temporanei, senza mai dare certezza, non creando condizioni per un lavoro stabile, elementi questi che rischiano di abbassare anche gli standard di sicurezza. Come Fim Cisl è da tempo che riteniamo necessario condividere un protocollo sugli appalti ma questo per ora non è stato ancora possibile.
Pertanto riteniamo che non sia più rinviabile una discussione sull’intero sistema degli appalti, che rischiano di essere ancora più penalizzati dallo stato di incertezza di Ast, sito non ritenuto strategico per Thyssenkrupp. Come Fim Cisl vogliamo tranquillità e stabilità per i lavoratori e le tante famiglie legate al mondo delle aziende terze operanti all’ interno del sito Ast. Per la Fim Cisl è indispensabile , che i vertici Aziendali di Ast, nella libertà di nell’assegnazione degli appalti, non tenga conto solo del costo ma valorizzi nella scelta le aziende che possono dare un valore aggiunto come la possibilità di garantire un lavoro stabile, che genera professionalità dei lavoratori e permettendo alle stesse di investire su formazione e sicurezza”.

Vicenda amianto.  I parlamentari umbri della Lega esprimono vicinanza alla causa della Fismic per il riconoscimento dei benefici previdenziali amianto per il sito Thyssen Krupp Ast di Terni. “La vicenda sul tavolo del Governo – commentano – sta andando avanti in maniera favorevole, ciò fa pensare che si possa concludere positivamente. Confidando nel buon esito dell’operazione in corso del riconoscimento dell’amianto del sito ternano, crediamo che questo percorso possa portare, visti gli smaltimenti tutt’ora in opera all’interno del sito, ad una possibile apertura per un prolungamento dei benefici di legge per quanto riguarda l’amianto. Importante in tal senso l’impegno profuso anche dalla Lega, nel sostenere una battaglia giusta per il riconoscimento di un diritto che oggi non ha più ragione di essere negato”. Secondo Stefano Antonietti della Lega Terni: “Continueremo a seguire da vicino la vicenda, al fianco dei lavoratori e della Fismic che tanto si è spesa in questa direzione”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere