CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ast, fa freddo e scarseggiano gli indumenti invernali per i lavoratori: denuncia Fim

Economia ed Imprese Terni

Ast, fa freddo e scarseggiano gli indumenti invernali per i lavoratori: denuncia Fim

Andrea Giuli
Condividi

Ingresso AST e bandiere

TERNI – Le temperature cominciano a farsi rigide e ci si deve coprire bene persino dentro una acciaieria.

Senza guanti e tute pesanti La Rsu della Fim Cisl di Ast, in una nota, “continua a riscontrare molteplici problematiche per quanto riguarda l’ approvvigionamento dei DPI (dispositivi protezione individuale) per i lavoratori del sito, a partire dai guanti per arrivare fino agli indumenti invernali. Nonostante i continui solleciti all’azienda per risolvere immediatamente la situazione, ci troviamo ancora oggi senza una risposta ufficiale. Per la rsu della Fim Cisl ciò è grave, non è più tollerabile che un’azienda come questa faccia affrontare la stagione invernale ai propri dipendenti senza gli adeguati indumenti, lasciandoli lavorare con tute estive a temperature gelide o con l’ abbigliamento proprio per ripararsi dal freddo. Riteniamo che la situazione debba essere risolta in tempi rapidissimi, evitando per il futuro il ripetersi di tali inefficienze”.

Turni, riconoscimenti economici Ma non è tutto. L’organizzazione sindacale continua: “A ciò si aggiunge il continuo ricorso allo straordinario, dovuto ad una organizzazione del lavoro inadeguata per gli attuali volumi da produrre, che mette in discussione anche la sicurezza dei lavoratori. La rsu della Fim Cisl ritiene altresì, come già richiesto, che a fronte del bilancio positivo comunicato dall’azienda, non sia più rinviabile una discussione sulla piattaforma integrativa e sui riconoscimenti economici che premi tutti i lavoratori, operai-impiegati-quadri, che in questi anni con i loro sacrifici hanno permesso di raggiungere risultati importanti ad Ast. Per quanto sopra detto, ritieniamo che già dall’incontro in programma per il 9 gennaio 2018 ci sia la volontà di trovare soluzioni condivise che diano risultati concreti per i lavoratori”.

Le altre sigle sindacali Venerdì mattina, arriva anche la presa di posizione sul tema delle rsu di Fiom, Uilm, Fismic e Ugl: “Si è appena conclusa la riunione indetta dopo nostra sollecitazione, tra la direzione del Personale e le rsu di Uilm, Fiom, Fismic e Ugl in merito alle evidenti difficoltà di aprovviggionamento di materiali antinfortunistici e Dpi individuali. La direzione del Personale non ha potuto in alcun modo smentire le nostre denunce e rivendicazioni in merito. Ha confermato le difficoltà in corso in quell’Ente, ricordando il recente inserimento di 6 nuove figure, sia intermedie sia apicali, e si è impegnata a far arrivare i Dpi entro il 15 Gennaio. Si è impegnata inoltre ad intervenire sull’Ente della sicurezza per favorire il rapporto preventivo con gli rls per la valutazione e scelta dei dispositivi che deve avvenire dopo la prova con i lavoratori, evitando che venga acquistato materiale inutile. Infine, si è impegnata a convocarci ogni mese, in una specifica riunione, a partire dal 15 gennaio alle ore 15, per monitorare l’andamento e verificare insieme se i Dpi sono confacenti in termini di quantità e qualità alle esigenze dei lavoratori”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere