CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ast, è di nuovo preoccupazione: in arrivo nuove bramme ed altre fermate

Economia ed Imprese

Ast, è di nuovo preoccupazione: in arrivo nuove bramme ed altre fermate

Redazione economia
Condividi

TERNI – Ancora problemi in Ast. Le Rsu di stabilimento hanno incontrato nella mattina di venerdì la direzione aziendale e sono emerse alcune situazioni preoccupanti: anzitutto l’arrivo di 15.000 tonnellate di bramme da lavorare dall’Indonesia e poi altre fermate in vista

Preoccupazione Nella nota diffusa, le Rsu scrivono: “Pur confermando le diverse difficoltà di mercato, particolarmente rispetto alle produzioni di black e di nac –  in questo trimestre si prevede il superamento seppur di poche migliaia di tonnellate rispetto al budget per le lavorazioni di Iaf. Ciò ovviamente comporta un’insaturazione in Acc che si concretizza con una fermata prevista della C87 che va dalle ore 22 del 18 marzo alle ore 6 del 1° aprile una piena saturazione di tutte le altre aree dell’azienda. Nei mesi di febbraio e marzo si prevede di processare complessivamente 15 mila tonnellate di bramme esterne. Abbiamo chiesto e ottenuto l’impegno aziendale, rispetto all’attuale fermata, di farsi carico della copertura di tutti quei lavoratori di Acc che per effetto della scadenza della Cigo il 27 febbraio, resterebbero scoperti, facendoli venire comunque a lavoro nei loro turni di appartenenza” .

Difficoltà In chiusura i sindacato ribadiscono “un quadro di difficoltà relativo all’attuale organizzazione del lavoro, ottenendo dopo ampia discussione l’impegno aziendale per i primi giorni di marzo a procedere a nuove assunzioni. Il quadro generale che anche in questa occasione è stato rappresentato conferma tutte le nostre preoccupazioni per le prospettive future del sito e da ulteriore legittimità al percorso già avviato che dovrà consentirci, nei tempi più brevi possibili, di ottenere un nuovo tavolo di confronto presso il Mise”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere