CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ast, Burelli in audizione: “Non è crisi strutturale, da vendita Elevators soldi per Materials”

Economia ed Imprese

Ast, Burelli in audizione: “Non è crisi strutturale, da vendita Elevators soldi per Materials”

Redazione economia
Condividi
Massimiliano Burelli
Massimiliano Burelli

TERNI – L’ Ast “non è in crisi strutturale”, ma “sta attraversando una fase congiunturale contraddistinta da problematiche di mercato che vivono anche i concorrenti”: a dirlo è stato oggi pomeriggio l’ amministratore delegato dell’ acciaieria di Terni, Massimiliano Burelli, parlando nel corso dell’ audizione informale che si è svolta davanti alla commissione attività produttive della Camera.

Annus horribilis. Il manager ha sottolineato che l’ azienda è stata in grado “di chiudere un ‘ annus horribilis’ , dal punto di vista commerciale, con un sostanziale pareggio di bilancio” (-1,8 milioni di euro circa di perdita, ndr.) e ricordato l’ arrivo “incontrollato” dell’ acciaio asiatico che sta mettendo in difficoltà il mercato italiano ed europeo, sempre più “volatile”. Le contromisure adottate dall’ Unione europea, sempre secondo Burelli, sembrano comunque “iniziare ad avere degli effetti”. Per l’ anno fiscale 2019/2020 ci sono inoltre “le potenziali condizioni per raggiungere l’ obiettivo del milione di tonnellate di produzione di acciaio liquido”, rispetto alle 965 mila dell’ anno precedente.

Crisi Thyssen. In merito alle difficoltà attraversate dalla casa madre ThyssenKrupp, l’ad ha spiegato che dalla vendita della divisione Elevator, specializzata nel settore ascensoristico, “verranno creati i proventi per far crescere la business unit Materials”, di cui Ast fa parte, diventata “strategica” per la multinazionale. Inoltre, ha aggiunto Burelli, “i seimila esuberi di cui si è
parlato recentemente toccheranno l’ Italia in maniera più che marginale”

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere